Il Pratomagno

Il Pratomagno con i suoi verdi pascoli in quota, le sue fitte foreste e i piccoli borghi montani è uno dei luoghi più suggestivi per fare del buon trekking in Toscana ed è la dorsale montuosa che funge da spartiacque tra il Valdarno e il Casentino.Pratomagno

La sua cima più alta raggiunge i 1592 metri di quota, la Croce del Pratomagno, è sormontata da una grande croce modulare in ferro che domina tutto il massiccio ed è visibile anche da grande distanza. Il panorama da lassù è magnifico e nelle giornate con buona visibilità la vista spazia dalla città di Firenze al lago Trasimeno.

NELLE VICINANZE: Il BORGO DOVE IL TEMPO SI E’ FERMATO, LORO CIUFFENA

Pratomagno

Uno dei punti di forza del Pratomagno è la sua facile accessibilità, da primavera all’autunno praticamente si può arrivare a poche centinaia di metri dalla cima più alta con facilità grazie a una via panoramica sterrata ma comunque curata e facilmente percorribile con qualsiasi auto.Pratomagno

Il silenzio, i verdi pascoli e il panorama a 360 gradi su mezza Toscana sono già un buon motivo per raggiungere la sua cima, se poi aggiungiamo che il sentiero che corre lungo la dorsale per un buon tratto in leggera pendenza è adatto a tutti, grandi e piccini, allora una gita al Pratomagno sarà senz’altro una bella esperienza anche solo per un pic-nic in famiglia o con gli amici.

LEGGI ANCHE: BELOGRADCHIK E LA FORTEZZA DI KALETOPratomagno

Certo la zona offre tantissime opportunità anche ai più volenterosi con trekking più lunghi e faticosi, infatti la rete sentieristica è estesissima e ben segnalata. Oltre alla Croce del Pratomagno i punti di maggiore interesse che vi segnaliamo sono il carinissimo borgo di Rocca Ricciarda di cui ci siamo innamorati, raggiungibile in un’ora e mezza dalla sommità del Pratomagno e la spada nella roccia (una riproduzione, quella vera l’hanno rubata) conficcata su un mucchietto di pietre nel mezzo di un pianoro erboso anch’essa raggiungibile in un’ora e mezza.Pratomagno

COME RAGGIUNGERE LA CIMA DEL PRATOMAGNO:

Per raggiungere i pratoni della cima si possono fare fondamentalmente tre strade a seconda da dove si parte. La strada più battuta per chi arriva dalla A1 è uscire a Valdarno e salire da Loro Ciufenna (AR). Forse è la strada più semplice e veloce: dal paese le indicazioni per il Pratomagno e le frazioni montane sono subito evidenti e facili da seguire, la strada che sale rapidamente, è asfalta per i primi 10 km poi, poco dopo la frazione di Trappola, diventa sterrata (per gli ultimi 10 km) ma si percorre bene con qualsiasi auto. Un’alternativa, sempre per chi arriva dalla A1 è uscire a Incisa/Reggello seguire le indicazioni per Vallombrosa e poi per Pratomagno. Il tratto sterrato è un pochino più lungo ma la strada ci è sembrata più veloce e poi il bosco del Paradisino e l’abbazia di Vallombrosa valgono una piacevole sosta. La terza strada per chi arriva dal Casentino è l’unica totalmente asfaltata, sale da Poppi (Ar) e passa dal borgo di Quota.

Precedente 5 paesaggi surreali da vedere una volta nella vita Successivo Douz e il Sahara

Lascia un commento