I libri per un un viaggio a Tallin

Libri per un viaggio a TallinnPer entrare nel giusto stato d’animo e gustarsi al meglio ciò che la controversa città di Tallin ci offre non vedo niente di meglio che leggere alcuni libri dal gusto amaro che ci facciano vedere Tallin con gli occhi di chi l’ha vissuta durante tutti i cambiamenti storico-politici che ha subito, per gustare in anticipo le prelibatezze culinarie e conoscere le sue strade e vie.

 

Le vacche di Stalin di Sofi Oksanen: un libro che non potete non leggere specialmente se avete intenzione di prendere il traghetto che da Tallin porta a Helsinki. Una ragazza estone con disturbi alimentari si trova contesa tra due mondi, tra due culture, mentre pian piano si scopre la storia frammentata della sua famiglia.

Quando i colombi scomparvero di Sofi Oksanen: attraverso la storia di due cugini e della moglie di uno di loro questo avvincente libro ci aiuta a scoprire la storia dell’Estonia, prima sotto il dominio dei comunisti, poi sotto i nazisti ed infine di nuovo sotto il potere dei russi. Una storia dal gusto amaro, tra disertori, file per i buoni alimentari e giochi di potere che ci aiuta a comprendere il passato travagliato di questa nazione.

Il pazzo dello zar di Jaan Kross: un’affascinante vicenda storica narrata tramite il diario tenuto dal cognato del “pazzo dello zar” che narra della vita travagliata del barone Timo Von Bock che si scaglia contro il regime facendosi portatore di idee innovative per il tempo e mettendole in pratica liberando i suoi servi, sposando una contadina (l’autore del diario è il fratello di tale  contadina) e trattando camerieri e governanti come pari.

Anime baltiche di Jan Brokken: un libro che non potete non leggere se avete intenzione di recarvi nei paesi baltici. Brokken vi porterà in giro per campagne innevate, paesi contadini, castelli, antiche tenute nobiliari raccontando la storia dei paesi baltici attraverso personaggi più o meno illustri. Un libro essenziale per capire le ripercussioni che una terra contesa ha avuto su Mark Rothko, Hannah Arendt, Romain Gary, Gidon Kremer e molti altri.

La neve sotto la neve di Alessandro Persinotto- Arno Saar: dopo più di 20 anni che non leggevo un giallo me lo sono ritrovato tra le  mani per la mia abitudine di non leggere le recensioni, debbo dire comunque che è ben scritto e che offre dei scorci interessanti di Tallin, descrivendone strade e quartieri.

CONSULTA QUI TUTTA LA NOSTRA SEZIONE SUI LIBRI E VIAGGI!

Precedente Un'escursione sul fiume Drin Successivo 7 meraviglie toscane, più 1

Lascia un commento