La via degli acquedotti in passeggino

State cercando una facile passeggiata da fare con i pargoli al seguito, magari con carrozzina o passeggino? Questo tratto de la via degli Acquedotti in passeggino può fare al caso vostro. Che ne dite infatti di una comoda camminata all’ombra delle arcate dell’acquedotto Nottolini per arrivare a Lucca?La via degli acquedotti in passegginoLa via degli acquedotti in passeggino

La via degli Acquedotti in passeggino

La via degli Acquedotti é un percorso che da Lucca porta a Pisa (o viceversa) lungo 24 chilometri. Noi ne abbiamo fatto un piccolo tratto (all’incirca un quinto di tutto il percorso): quello che da “Alle Parole d’Oro” porta a Lucca seguendo l’acquedotto Nottolini che dal 1833 fece arrivare acqua buona nella città. Questo pezzo è anche una variante della via Francigena ed ideale per fare una passeggiata tra campagna e città, accompagnati dalle belle arcate in mattoni e dallo sfondo delle montagne innevate verso Lucca, nonché un modo inconsueto per arrivare nella città toscana.
Vi abbiamo già parlato in un altro post della magica valle “Alle parole d’oro”, dove attraverso canali parzialmente interrati l’acqua veniva convogliata e depurata per poi essere indirizzata nella città, proprio da qui è possibile partire per il percorso (PER APPROFONDIRE LEGGI: ALLE PAROLE D’ORO)La via degli acquedotti in passeggino

La camminata è idonea per i passeggini perché il percorso è pianeggiante, il sentiero è largo (ideale anche per i passeggini gemellari) ed è ricco di fontanelle per l’approvvigionamento idrico. Le uniche difficoltà sono rappresentate da un paio di attraversamenti di strade mediamente trafficate e da un ponte che serve per superare l’autostrada, sul quale si può salire solo attraverso due rampe di scale. In questo tratto sarà quindi necessario sollevare i passeggini, per questo sconsigliamo di fare il percorso con passeggino in solitaria. Noi siamo riusciti a superare il ponte pedonale senza difficoltà in due con un passeggino gemellare e uno singolo (ebbene sì  abbiamo tre gemelli! PER SAPERNE DI PIÙ  LEGGI: LE COSE CAMBIANO, LE PASSIONI RESTANO).La via degli acquedotti in passeggino
Una delle cose che ci è piaciuta di più é proprio la possibilità di alternare campagna e città. Attraverso il sentiero all’ombra dell’Acquedotto Nottolini infatti si arriva a Lucca dal piccolo tempietto-cisterna di San Concordio e poi si può proseguire lungo le mura per arrivare alla Chiesa di San Francesco, stazione della via Francigena oppure fare un giro nella città a piacere proprio.

LEGGI ANCHE: ESPERIENZE INDIMENTICABILI CON BAMBINI IN TOSCANA

Il percorso la via degli Acquedotti in passeggino

Il percorso più lungo parte da “Alle parole d’oro” ed è di 5 km, mentre il percorso più breve (circa 3,5 km) ha inizio dalla Sp26, via sottomonte, a San Quirico, dove si prende il sentiero all’altezza dell’Officina Cinelli, trecento metri più avanti, verso San Quirico c’è un parcheggio.La via degli acquedotti in passeggino
Dal tempietto de “Alle parole d’oro” si seguono le arcate fino al tempetto-cisterna di San Concordio. A quel punto usando il sottopasso ferroviario (un centinaio di metri a sinistra dal tempietto) agibile comodamente anche per i passeggini, si arriva alle mura su cui si può salire dal Bastione San Pietro, si prosegue poi fino al Bastione San Regolo, dove si trova anche un’area gioco per i bambini. Una volta scesi dalle mura si segue il canale fino a che sulla sinistra si trova la Chiesa di San Francesco.Lungo il percorso non si trovano punti ristoro fino a Lucca.
Il ritorno del tratto la via degli Acquedotti in passeggino è sullo stesso itinerario.

Precedente I dintorni di Valona: tra spiagge e castelli Successivo Libri per un viaggio in Bosnia

Lascia un commento