Il Castello di Grinzane Cavour

Nel mezzo ai vigneti piemontesi tra le dolci e basse colline delle Langhe si trova il Castello di Grinzane, noto anche come Castello di Cavour.

Un sogno per chi come me nell’ormai lontano esame di quinta elementare preparai proprio un approfondimento su Camillo Benso Conte di Cavour, Non potevamo quindi esimerci dal visitare questo bel castello!

breve storia del castello di grinzane di cavour

Camillo Benso conte di Cavour fu Sindaco di Grinzane 1832 e con Giovanni Bosco, figlio del fattore rimise in sesto le vigne della zona e iniziarono la produzione di un grande vino dando vita ad un progetto di vinificazione. Il vino che fu prodotto venne commercializzato in Italia e in Francia. Quando Cavour iniziò la carriera politica fuori da Grinzane pian piano lascio sempre di più la tenuta.

La visita al castello di grinzane cavour

Nella prima sala del museo è proiettato un video sulla storia del castello, in cui a parlare è….CAVOUR!!!!  C’è inoltre un  torchio di Monasterolo del 1704, tuttora funzionante ed è presente un totem sensoriale, cioè punto informativo per i non vedenti (ci piacerebbe vederne sempre di più in giro per i musei e i castelli e non solo!).

Leggi anche: La bellezza nascosta di Belogradichik e la fortezza di Kaleto

Nella sala delle maschere, dove Camillo Benso presiedeva le sale consiliari, c’è un soffitto davvero particolare, tutto in legno, presenta numerose formelle dipinte con significato araldico e allegorico davvero interessante: sono rappresentate infatti gli stemmi delle famiglie degli sposi, Pierino Belli e Giulia Damiani uniti in matrimonio nel 1567, in onore dei quali fu realizzato, i simboli dell’amore come i pitti, della fecondità come i leprotto e molti altri ancora.

Dalla sala del tartufo in cui si passa in mezzo ad un bosco virtuale con tanto di canto degli uccellini (i bambini l’adoreranno!), si arriva alla sala dei vini con una piccola stanza circolare in cui le pareti sono bottiglie di vino ricoperte da un vetro.

Nella sala Luciano De Giacomi ci sono delle rappresentazioni di una cucina del Seicento e una  dell’Ottocento e dell’osteria. Nella sala Cavour, invece è possibile conoscere meglio il Conte con informazioni sulla sua vita personale e politica.

In cima alle scale ci sono due sale con gli attrezzi tipici dei vari mestieri necessari nella tenuta.

Su una delle sommità del castello vi è la sala degli affreschi del 600-700 riconducibili allo stile di Giulio Romano, allievo di Raffaello. La sala è allestita al tema “la verità sul vino” allestita dall’Osservatorio Nazionale sul Consumo Consapevole del Vino che vuole promuovere un uso consapevole del buon vino: bere con moderazione il buon vino può ridurre il rischio di alcune malattie e può essere un piacere.  Nella sala è possibile raccogliere varie informazioni sulla storia della bevande e sulle sue proprietà oltre a qualche ricetta.

All’interno è presente un ristorante, un food & wine bar dal quale si gode di uno stupendo  panorama e logicamente un enoteca in cui è possibile comprare specialità enogastronomiche, vini gustosi e tipici delle Langhe, nocciole piemontesi, salse e pesti di ogni tipo… una vera festa per il palato!

Il Castello di Grinzane è davvero interessante e piacevole da visitare per scoprire un pezzo della storia dell’Italia e davvicinarsi alle specialità enogastronomiche del posto, ci è piaciuto davvero molto!

Il progetto dell’allestimento museale e direzione lavori Architettura della comunicazione con Michele Leone, Concept e progetto dell’immagine GBA Visual Design con Simona Forte, il museo è stato realizzato grazie ai fondi della legge finanziaria 2006 e ai contributi della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

Il Castello di Grinzane Cavour e i bambini

Se viaggiate con i bambini piccoli dotatevi di marsupio o fasce perché il castello non è visitabile con carrozzine e passeggini, in quanto ci sono numerose scale e passaggi stretti.

Leggi anche: Toscana in passeggino

Poco sotto il castello, vicino ad una delle entrate principali ci sono un paio di giochi per bambini.

Orari di apertura del Castello Grinzane Cavour

Il Castello Grinzane di Cavour è aperto tutti i giorni, ad eccezione del martedì, dalle 10 alle 18. Il biglietto d’ingresso costa 6 euro per gli adulti e 5 euro i ridotti.

In collaborazione con Il Castello di Grinzane Cavour.

Precedente 6 escursioni da non perdere in Toscana Successivo Lago di Massaciuccoli in passeggino: tra bilance e natura

Lascia un commento