7 meraviglie toscane, più 1

Oltre le splendide città d’arte i cui monumenti principali e i centri storici sono stati posti sotto l’egida dell’Unesco e proclamati Patrimonio dell’Umanità (Firenze, Piazza del Duomo a Pisa, San Gimignano, Siena, Pienza, Val d’Orcia e le ville e i giardini medicei) in Toscana ci sono altre piccole meraviglie, certo meno note e conosciute che meritano di essere scoperte. Ecco le nostre 7 meraviglie toscane oltre quelle protette dall’Unesco.

7 meraviglie toscane

Castel Sammezzano – 7 meraviglie toscane

Anche se è purtroppo difficilmente visitabile, Castel Sammezzano rientra sicuramente a buon diritto nelle meraviglie toscane: per chi non lo conoscesse è una residenza (ormai disabitata) decorata in stile orientalista ed eclettico, immersa in una splendido giardino botanico con sequoie giganti alte fino a 50 metri.

La decorazione delle sale interne è degna di uno dei palazzi descritti in Le Mille e una notte, preparatevi a rimanere senza fiato! Per maggiori informazioni clicca qui.

Giardino dei Tarocchi – 7 meraviglie toscane

Sensazionale parco artistico nato dalla fantasia dell’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle, che per la sua realizzazione di è ispirata anche a Parc Guell di Gaudì, il Giardino dei Tarocchi è integrato perfettamente nel paesaggio maremmano. Il parco è adornato da enormi statue colorate ispirate appunto al gioco dei tarocchi, al suo interno è visitabile anche la particolarissima abitazione dell’artista.

Stretti di Giaredo – 7 meraviglie toscane

La stretta e profonda gola dove scorre il torrente Gordana è un luogo incredibilmente suggestivo. Scavata dalla forza dell’acqua e dei venti, le pareti degli stretti sono solcate da rughe che guidano il visitatore nella sua esplorazione. L’acqua gelida assume molteplici colorazioni soprattutto quando il sole riesce a filtrare tra i muraglioni. Per esplorarle al meglio conviene dotarsi di muta. Per maggiori informazioni clicca qui.

Castiglion del Terziere – 7 meraviglie toscane

Avvolto dall’affascinante paesaggio lunense, Castiglion del Terziere è un castello ai cui piedi è sorto un piccolo borgo. Seppur molto grazioso, finché non varcherete la soglia d’ingresso, accolti dalle parole della padrona di casa Raffaella Paoletti, non potrete capire il motivo per cui lo abbiamo inserito in questo post. All’interno delle robuste mura infatti sono custoditi incredibili documenti di storia locale, pergamene, libri, rarità, incunaboli, prime edizioni, quadri, statue di artisti famosi. La cosa strana è che tutto è accessibile, disponibile al tatto e alla consultazione. Un luogo unico. Per scoprire di più leggi il nostro post.

Bagni San Filippo – 7 meraviglie toscane

La Toscana è terra di terme libere. Tra le più belle c’è sicuramente Bagni San Filippo, con la grande formazione bianca denominata Balena Bianca. Le sue acque caldissime e ricche di minerali sono ideali per rilassarsi in mezzo alla natura. Per maggiori informazioni clicca qui.

Museo e Rifugi SMI – 7 meraviglie toscane

Nascosto tra le Montagne Pistoiesi in un centro quasi sconosciuto si cela un gioiello di archeologia industriale: lo SMI, che fu una delle fabbriche d’industria bellica più importanti d’Italia e sotto la quale si trova il rifugio antiaereo più grande d’Europa, visitabile da poco tempo. Per maggiori info clicca qui.

Parco dell’Uccellina – 7 meraviglie toscane

Il Parco dell’Uccellina accoglie al suo interno vestigia archeologiche come i resti dell’Abbazia di San Rabano e la Torre dell’Uccellina, torri di avvistamento per la difesa dai Saraceni, un paesaggio strepitoso che va dai boschi al mare, spiagge selvagge, mandrie di mucche maremmane, cervi, volpi e altra fauna che avrete la fortuna di incontrare. Il Parco è strepitoso e trascorrendovi una giornata vi sembrerà di aver fatto un viaggio nel tempo.

Il Parco della Villa Reale di Marlia – 7 meraviglie toscane

Tra le splendide e raffinate ville della campagna intorno a Lucca ce n’è una che fu residenza preferita di Elisa Bonaparte e per questo si è meritata l’appellativo di regale. Il parco, enorme e incantevole, è disseminato di camelie, ruscelletti, statue di ispirazione classica, laghetti, salici frondosi, eleganti prati erbosi, peschiere, ninfei e molte altre meraviglie. I proprietari stanno lavorando per rendere accessibile al pubblico anche l’interno. Per maggiori informazioni clicca qui.

Che dite…ci siamo dimenticati qualcosa?

 

Precedente I libri per un un viaggio a Tallin Successivo I dintorni di Valona: tra spiagge e castelli

Lascia un commento