Rocca al Mare: un museo all’aria aperta

Rocca al mare TallinnNelle vicinanze di Tallinn c’è un museo all’aria aperta: Rocca al Mare ove è possibile fare una piacevole camminata tra i boschi, vedendo con i propri occhi come erano i villaggi tipici estoni e sentire il pungente e caldo odore del legno, misto a quello di sottobosco fin quando non si sente l’aria salmastra accarezzare il viso, la passeggiata infatti arriva fino al mare.

Rocca al Mare: il museo all’aria aperta dell’estonia

Se vi aspettate un museo statico in cui ammirare qualche vecchia foto allora avete sbagliato posto.

Rocca al Mare Tallinn

Nel museo all’aria aperta Rocca al Mare di Tallinn infatti tutto sa di vita, di movimento. È un museo che va esplorato usando tutti i 5 sensi: il tatto per sentire il pelo degli animali, il ruvido legno e gli intarsi delle finestre; la vista per vedere in lontananza cerbiatti che corrono, gli alti alberi che si muovono con il vento e le calde ed accoglienti casette in legno; l’udito per ascoltare il fruscio delle foglie, il nitrire del cavallo, il canto del gallo, la musica tipica e il frangere delle onde del mar Baltico; l’olfatto per annusare il dolce odore di muschio, il pungente profumo del sottobosco, l’accogliente aroma del legno; il gusto per assaggiare i deliziosi piatti tipici estoni alla locanda Kolu.

LEGGI ANCHE: COSA METTO IN VALIGIA?Rocca al Mare Tallinn

La Locanda Kolu è stata portata al museo nel 1968 dal villaggio di Kolu (parrocchia di Kose, contea di Harju) e dal 1840, anno in cui fu costruita, dava ristoro ai viandanti che percorrevano la strada da Tallinn a Tartu. Al suo interno è possibile gustare deliziosi piatti tipici estoni: dall’antipasto a base di cetrioli e miele, ad una sorta di purè di patate con farina di orzo, pancetta e cipolle (squisita!) alla dolce Kama Mousse. Gli amanti della birra troveranno il loro regno, alcune birre sono prodotte direttamente all’interno del museo così come vari tipi di sidro di mele ed i più golosi non potranno perdersi l’acqua con ribes e menta! Rocca al Mare

Le diverse costruzioni che si trovano rappresentano edifici originali tipici dell’estonia meridionale, settentrionale, occidentale e delle isole, così da avere una visione d’insieme e così da poter osservare le diversità delle condizioni di vita a seconda delle influenze ambientali, economiche e culturali.

Durante la passeggiata si incontrano fattorie con strutture differenti a seconda dell’epoca e del luogo in cui furono originariamente costruite, ognuna con le sue peculiarità (muretti, o recinti, orto, pozzo, aia e bellissimi e coloratissimi spaventapasseri) ed alcuni animali lasciati liberi: galline e gallo, maiali, caprette e gatti. In alcune vi sono anche uomini e/o donne vestiti con abiti tipici impegnati ad intrecciare paglia, a filare ecc. Rocca al MAre

Camminando lungo le stradine di terra battuta si trovano tre diversi mulini a vento ed un mulino ad acqua, la casa di preghiera della chiesa della moravia, la casa da pesca itinerante, che si trova proprio vicino al mare, la casa russa di Peipus, tipica della costa, che si trova al museo dal 1991, la cappella seicentesca Sutlepa con il suo campanile in legno e la piccola vetrata colorata dietro l’altare ed il negozio del villaggio Laula.

LEGGI ANCHE: ALLA SCOPERTA DI CRACOVIARocca al Mare

All’interno del villaggio-museo è presente anche la scuola Kuie, costruita nel 1887 che attualmente è utilizzata come centro educativo del museo con i banche in legni, l’alta cattedra e la lavagna (da maestra non posso che soffermarmi ad immaginarmi come doveva essere fare scuola in quest’edificio…altro che didattica rovesciata!).

Un altro edificio singolare e molto interessante è la stazione dei pompieri Orgmetsa, una stazione di medie dimensioni, costruita nel 1928 era utilizzata per immagazzinare le autopompe manuali con carri, barili d’acqua, ganci antincendio. Si racconta che i pompieri erano volontari e che la chiave della caserma fosse custodita nelle case vicine cosicché chiunque notasse un incendio potesse dare l’allarme. Rocca al Mare Tallinn

Dalle 11 alle 15.45 è possibile inoltre fare un giro in carrozza guidata dai cavalli Amoros ed Elbrus al costo di 5 euro per gli adulti e di 2 ero per i bambini dai 3 ai 15 anni.

Da maggio a settembre alle 11 è possibile assistere allo spettacolo di danza alla fattoria sassi-Jaani. Purtroppo noi siamo arrivati più tardi del previsto a causa della manifestazione Ironman 2018 che si teneva a Tallinn proprio nei giorni in cui eravamo nella capitale estone, inoltre il temporale che ci ha sorpreso mentre varcavamo l’ingresso del museo non ci ha aiutato, ma fortunatamente abbiamo trovato ristoro alla locanda e dopo qualche ora è uscito il sole e tutto è stato reso più magico dall’odore della terra bagnata!

Vi ricordiamo di scaricare l’applicazione NUMU che vi farà da audioguida.

Il museo di Rocca al Mare e i bambini Rocca al Mare Tallinn

Numerose sono le iniziative e i laboratori proposti per i bambini, basta consultare il sito.

Durante la visita incontrerete un paio di aree gioco interamente in legno (uno vicino alla locanda e l’altra in prossimità della casa da pesca itinerante e dei giochi disseminati all’interno delle diverse fattorie, davvero carini!

Rocca al Mare Tallinn

I bambini adoreranno anche incontrare gli animali e può darsi che abbiate la fortuna che abbiamo avuto noi che abbiamo visto due cerbiatti rincorresi nel bosco!

All’ingresso sono disponibili dei carretti da trainare a mano per far montare i bambini, il divertimento è assicurato!

Il museo di Rocca al Mare: biglietti Rocca al Mare Tallinn

In estate l”ingresso costa 9 euro per gli adulti, 6 euro il biglietto ridotto e 18 euro quello familiare. Iin inverno invece il prezzo è di 7 euro per gli adulti, 5 € per i bambini e 14 € per le famiglie.

L’ingresso è gratuito per i possessori della Tallin Card.

come raggiungere Rocca al Mare

Il museo è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici dal centro di Tallin prendendo l’autobus 21 o 21B.

In collaborazione con Museo all’aria Aperta dell’Estonia

 

 

Precedente Mulazzo, una piccola sorprendente capitale Successivo L'abbazia di Vallombrosa e la sua foresta incantata

Lascia un commento

*