Douz e il Sahara

Il deserto: l’immagine delle dune sabbiose, dell’infinito ripetersi del panorama, della monotonia del colore che si ripete, il camminare lento dei dromedari, hanno accompagnato spesso le mie fantasie di bambina e di adulta talvolta guidate da libri e da storie dal sapore affascinante e nomade, talvolta vere e proprie fantasticherie.

Adele non è stata da meno di me: da quando aveva due anni non ha fatto che chiederci quando sarebbe montata su un dromedario (cammello come dice lei) e quando avrebbe visto il deserto, sarà per i racconti della zia Lisa e dello zio Samu sulla loro escursione nel Sahara marocchino, ma lo desiderava davvero. Immaginatevi pertanto la sua felicità nel vedere le bionde dune di sabbia, peccato per il forte vento che c’era stato durante tutta la settimana precedente, che continuava ancora in lontananza e che non ci ha permesso di poterci guastare al massimo il panorama.

Uno dei ricordi più belli del nostro viaggio in Tunisia è comunque quello della breve escursione nel deserto che abbiamo fatto a bordo di un dromedario e della calda e finissima sabbia che si insinuava ovunque.

COSA FARE A DOUZ

Sicuramente una delle più belle cose che potete fare a Douz, nota come la porta del deserto, è l’escursione sul dromedario. Ci sono due agenzie a Douz con cui fare un’escursione nel deserto: in groppa al dromedario, guidando un  quad oppure a bordo di una jeep. Noi abbiamo optato per il dromedario, ed abbiamo pagato 30 dinari a testa per 1 ora circa di passeggiata. I bambini non pagano e devono montare con un genitore o un accompagnatore. Il viaggio è stato breve, ma le gambe iniziavano già a dolore, specie quelle della bambina. Ci siamo divertiti, abbiamo corso sulle dune, ci siamo anche imbattuti in qualche abitante del luogo che voleva farci pagare per fare una foto con la volpe del deserto e abbiamo visto grandi zecche sulla sabbia.

Dove dormire a Douz

Noi abbiamo dormito in un grande complesso alberghiero (che generalmente non amiamo) presso l’Hotel Offra Douz, il terrazzino era invaso dalla sabbia del deserto e il pavimento, nonostante fosse stato pulito, scricchiolava sotto i nostri piedi. Abbiamo anche cenato e fatto colazione presso il ristorante dell’hotel, sia colazione sia la cena sono a buffet.

Precedente Il Pratomagno Successivo Cosa fare a agosto 2019 in Toscana

Lascia un commento