Il borgo abbandonato di Mirteto

Sul Monte Pisano, sopra Asciano (Provincia di Pisa) si trova il piccolo borgo abbandonato di Mirteto, meta ideale per una piacevole passeggiata immersi nella natura.

Abbiamo scoperto l’esistenza di questo borgo per caso, mentre conversavamo con un signore di Asciano, che è stato uno degli ultimi abitanti di Mirteto, a quanto ci ha raccontato, e incuriositi abbiamo deciso di visitarlo.

Una domenica mattina siamo partiti e, lasciata la macchina alla sbarra da cui inizia il percorso “la via delle fonti”, ci siamo incamminati: un ruscello ormai ridotto a rigagnolo passava più in basso alla sinistra del sentiero, dopo pochi metri abbiamo trovato l’acquedotto mediceo, detto anche il cisternone che, oggi, è in via di ristrutturazione.

FORSE PUÒ INTERESSARTI ANCHE: 7 COSA DA FARE SUL MONTE PISANO

Mirteto

Abbiamo oltrepassato il ponticello che attraversa il rigagnolo di cui prima e iniziato a seguire il percorso del CAI. la strada da fare è breve, ma tutta in salita: il borgo si trova infatti a quasi trecento metri sul livello del mare.

Mano mano che ci avviciniamo il ritmo del nostro respiro cresce: siamo decisamente affannati. Il borgo ci appare davanti improvvisamente, nascosto dagli alberi e dal mirto, cui il paese deve il suo nome. Sulla sinistra c’è la graziosa chiesa di Santa Maria di Mirteto (dipendente dall’Abbazia di San Michele alla Verruca) in stile romanico, tutto sembra al suo posto se non fosse per il tetto mancante. Su una parete della chiesa c’è anche una meridiana.

FORSE PUÒ INTERESSARTI ANCHE: 7 TERME GRATUITE IN TOSCANAMirteto

Sugli altri lati ci sono varie costruzioni, alcune ad un piano, altre a due, conservate più o meno bene: case e laboratori di attività agricole e artigianali.

Il borgo, che è nato come monastero, è stato completamente abbandonato negli anni ’50, quando oramai vivere lassù, isolati dal mondo era diventato impossibile infatti per giungere al paese c’è solo un sentiero, non percorribile in auto.

Girando dietro la chiesa il sentiero si biforca. Decidiamo di andare a destra per arrivare sulla cima del monte Faeta, ma sentiamo dei rumori: un cinghialetto sta sgrufiando a pochi metri da noi, dopo qualche minuto di indecisione non ce la sentiamo di disturbarlo e prendiamo il sentiero che va sulla sinistra verso quello che è indicato come Il castagno. Dopo qualche centinaio di metri possiamo godere dello spettacolo di Mirteto visto dall’altro.

LEGGI ANCHE: LE SPIAGGE PIÙ BELLE DELLA TOSCANA

Camminiamo per circa 3 chilometri e poi proseguiamo verso il paese di Asciano: il castagno non lo abbiamo visto. Dal paese poi torniamo alla macchina.

Mirteto

Mirteto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Precedente La città dei sassi: Matera Successivo Le Meteore: ad un passo dal cielo