Città fantasma in Toscana

Chi non si entusiasma all’idea di visitare una città fantasma? Il fascino esercitato dalle città e dai borghi che prima brulicavano di vita e ora sono desolati e deserti è irresistibile per la maggior parte delle persone e ovviamente anche per noi Rintronauti.Città fantasma in Toscana, Toiano

Cresciuti (almeno due di noi) a pochissimi passi da due borghi abbandonati ritenuti a giusta ragione tra i più belli di Toscana, abbiamo continuato a coltivare questa passione nel corso degli anni e oggi abbiamo deciso di scrivere questo post per riunificare le ghost town che abbiamo visitato e raccontarvi le nostre impressioni su esse (siamo amanti dei luoghi abbandonati in genere e su questo tema abbiamo già scritto un post: Luoghi abbandonati di Toscana).

FORSE PUÒ INTERESSARTI ANCHE: TERME GRATUITE IN TOSCANA

Città fantasma in Toscana

  1.  Toiano, non potevamo certo non partire da questo splendido borgo costruito in prossimità dei bei calanchi che ne minacciano la sopravvivenza e che ha dominato il nostro immaginario fin dalla tenera età. Città fantasma in Toscana, Villa SalettaNel 2012 Oliviero Toscani lo ha messo al centro di un concorso fotografico per cercare di riportare l’attenzione su questo paese che rischia di scomparire. Alla fine degli anni ’40 fu anche teatro di uno dei più efferati omicidi del primo dopoguerra che dominò le cronache di tutta Italia.
  2. Il paese abbandonato sull’Isola di Pianosa, reso ancora più suggestivo dal fatto di essere l’unico insediamento di questa piccola isola dell’Arcipelago Toscano. Il paese presenta numerose costruzioni dall‘architettura eclettica: palazzi in stile moresco e neomedievale si susseguono uno accanto all’altro intorno al piccolo porticciolo. Città fantasma in Toscana, PianosaLungo la via principale si trova poi la Casa dell’Agronomo, purtroppo chiusa e sopra il porticciolo il favoloso Forte Teglia anch’esso non accessibile ma comunque scenografico. Per conoscere meglio la storia del paese è consigliabile visitare la mostra organizzata dall’associazione di pianosini. Vi consigliamo poi di dormire nell’unico hotel dell’isola, un’emozione unica!
  3. Villasaletta è un’affascinate città fantasma della Valdera, in provincia di Pisa. Elegante e grazioso questo piccolo paese rivela la suo origine longobarda dal toponimo. L’aspetto attuale risale alla sistemazione in una villa-fattoria all’avanguardia dalla famiglia Ricciardi nel XVII secolo.Città fantasma in Toscana, Lucchio La visita è resa ancora più appetibile dalla presenza di un bar storico “Dar Giannini” in cui potrete fare merenda a base di ottimi salumi, vino e ponce! Io e Ilaria siamo molto legate a questo posto: nostra nonna negli anni’20 e ’30 frequentava qui le elementari e era qua che venivamo a fare delle bellissime passeggiate in sua compagnia, e i suoi racconti ce la rendevano viva e animata come non abbiamo mai potuto vederla.Città fantasma in Toscana, Mirteto
  4. Lucchio: abbarbicato sulla montagna che domina il torrente Lima (nelle vicinanze del ponte sospeso) il paese di Lucchio è quasi invisibile. Dal sapore montano, questa piccola ghost town sapra affascinarvi!
  5. Mirteto sonnecchia placido sulle pendici del Monte Pisano. Per arrivarci si deve percorrere un ripido sentiero sterrato. Quando si arriva il borgo ci appare con le sue costruzioni in pietra e l’odore di mirto che si libera nell’aria. Fu abbandonato negli anni ’50.
  6. Castelnuovo dei Sabbioni è un borgo minerario che è stato abbandonato proprio a causa dei crolli dovuti alla coltivazione delle miniere. Il borgo si articola come una spirale intorno alla chiesa, dove oggi si trova il museo MINE, che illustra la storia delle miniere e del territorio.
  7. Buriano: immerso nel dolce paesaggio delle colline che si inseguono all’infinito Buriano è un piccolo borgo toscano ormai lasciato a se stesso, con case ricercate e stemmi nobiliari. Si trova nei pressi di Montecatini Val di Cecina.
  8. Castiglioncello: questo paese abbandonato si trova in una posizione alquanto fortunata, dal borgo infatti si può vedere la sorprendente cascata di Moraduccio, a pochi chilometri da Fiorenzuola. Città fantasma in Toscana, Castelnuovo dei SabbioniAbitato fin dall’alto medioevo il borgo conserva molto bene le case e l’edificio della Dogana.
  9. Brento Sannico: raggiungibile con una camminata di un ora dalla Pieve di San Pellegrino, del borgo non rimangono che un manipolo di case e la chiesa di san Biagio, le cui pareti accolgono ancora gli intensi colori degli affreschi. Il borgo fu abbandonato dall’ultima famiglia nel 1951, a causa delle nuove vie di comunicazioni che scansavano l’antico crocevia tra la Toscana e l’Emilia-Romagna. In tutta sincerità Brento Sannico non ci ha colpito molto.Città fantasma in Toscana, interno del paese di Castiglioncello
  10. Col di Favilla è un minuscolo borgo montano della Garfagnana: sono ancora visibili la chiesa (restaurata) e una manciata di case alcune in pessime condizioni, altre recentemente recuperate ma comunque disabitate. Completamente immerso nel bosco, si raggiunge con un’ora di cammino da Isola Santa. Se avete voglia di una ghost town non ce la sentiamo di consigliarvela, Col di Favilla è grazioso, ideale per un bel trekking (da qui passano numerosi sentieri CAI), ma come città fantasma non ha molto da offrire.Città fantasma in Toscana, Col di Favilla
  11. Montingegnoli è una piccola ghost town tra le valli del fiume Cecina e il Merse, un vero tesoro per gli amanti dei piccoli borghi abbandonati .Non appena abbiamo scoperto la sua esistenza siamo partiti alla sua ricerca e non ne siamo rimasti delusi, anzi è entrata subito a far parte delle nostre ghost town preferite.Il borgo fantasma di Montigegnoli
Precedente La Luminara di San Ranieri Successivo Perchè visitare la Bosnia

2 thoughts on “Città fantasma in Toscana

    • Ciao, grazie di averci scritto. La foto riferita a Toiano è la prima del post, mentre quella che appare di fianco allo scritto riguardante Toiano è una foto di Villa Saletta, nominata al terzo posto dell’elenco. Non abbiamo però nessuna foto di Collelungo, che conosciamo ma dove non siamo mai stati. Per qualunque chiarimento rimaniamo a disposizione 🙂 Le altre foto di Toiano le puoi guardare cliccando sul nome del borgo. 🙂

Lascia un commento

*