Cosa fare a marzo 2019 in Toscana

Cosa fare a marzo 2019 in ToscanaLa primavera sta arrivando, le giornate sempre più lunghe e il dolce profumo di fiori che si inizia a respirare nell’aria ci spingono a passare dolci giornate all’aria aperta, ad esplorare giardini, a passeggiare nei boschi e nelle località di mare a visitare città d’arte. Vediamo insieme che cosa fare in Toscana nel mese di Marzo,.

In occasione della Festa della Donna l’8 marzo è previsto l’ingresso gratuito per tutte le donne nei Musei Civici e Statali della Toscana.

Il 9 marzo sarà possibile usufruire di una notte gratuita a patto che ne venga prenotata almeno un’altra a pagamento, nei B&B affiliati al portale www.bed-and-breakfast.it che aderiscono all’iniziativa. Quale occasione migliore per un weekend fuori porta?

Il 22 marzo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua

Il 23 e il 24 marzo tornano le giornate primaverili del FAI: grazie a moltissimi volontari sarà possibile accedere a beni culturali che altrimenti sarebbero inaccessibili. Tante le iniziative e le aperture straordinarie.

Sempre il 24 marzo si festeggia la Giornata delle Guide Ambientali, quindi sono molte le visite organizzate per l’occasione. per saperne di più clicca qui.

Cosa fare a marzo in Provincia di Massa Carrara

Il primo weekend di marzo a Pontremoli Si tiene la manifestazione Tour Day: un giro enogastronomico a tappe attraverso i sapori della tradizione pontremolese e lunigiana alla scoperta di osterie, botteghe, bar e persone.

Tutti i sabati di marzo dalle 16 alle 18 si potrà visitare il suggestivo Rifugio Antiaereo della Martana, tenuto aperto dall’Associazione Sancio Pancia. La visita è gratuita.

Cosa fare a marzo in Provincia di Pisa 

Una mostra interessante è quella allestita presso i suggestivi Arsenali Repubblicani: Bosch, Brueghel, Arcimboldo. Grazie a 54 proiettori sono ricostruite le magiche e oniriche atmosfere delle opere fiamminghe di Bosch e dell’arte burlesca e metaforica di Arcimboldo. Alchimia, religione e astrologia si mescolano ai personaggi surreali che popolano le opere protagoniste.

Dal 1 al 31 le mura medievali di Pisa saranno aperte con orario 9 – 17. Molti gli eventi collegati come la passeggiata a cura della Compagnia dello Stile Pisano per il ciclo ‘A spasso sulle Mura con…’, per ripercorrere insieme la storia della città medievale, alla scoperta di torri, porte e quartieri (costo 5 euro).
Il 10 marzo, sarà la volta di ‘Mura in gioco’: dalle 15.30 alle 17 spettacoli, laboratori, letture animate e attività per bambini dai 4 ai 10 anni, con ingresso da Piazza delle Gondole. L’iniziativa, dal costo di 5 euro, sarà replicata anche domenica 31 marzo. Domenica 17 marzo si potrà invece partecipare alla visita condotta dal direttore del Museo degli Strumenti di Calcolo alla scoperta della storia informatica pisana.

Il 10 del mese l’associazione Salviamo la Rocca organizza una visita guidata “I segreti di Ripafratta“, per visitare  e conoscere meglio la Rocca e il suo borgo. Per prenotarvi scrivete a [email protected]

Domenica 31 il Decathlon organizza una nuova edizione di Rundays, dedicato alla corsa e allo sport all’aria aperta, alle Piagge di Pisa.

Il 25 a Pisa inizierà il nuovo anno e si entrerà nell’anno 2020!!! Numerosi eventi saranno organizzati in città in occasione del Capodanno Pisano. 

 

Cosa fare a marzo in Provincia di Firenze firenze

Proseguono domenica 3 marzo le visite guidate gratuite sulle orme della Grande Guerra: un percorso nel centro storico del capoluogo toscano per approfondire la conoscenza della prima guerra mondiale, cercando monumenti, targhe e sculture. La prenotazione è obbligatoria dal lunedì precedente telefonando al numero 055-2768224 o scrivendo a [email protected]

Venerdì 22 ultimo appuntamento concertistico con la rassegna Note al Museo presso il Museo dell’Opera del Duomo.  Questo ultimo concerto saranno ripercorse le pagine di un poco noto capitolo della vita musicale a Firenze fra la fine dell’Ottocento e il pieno Novecento, che vide affermarsi il mandolino come strumento amatissimo e popolare.

Il 10 marzo al museo di Leonardo a Vinci continuano le Domeniche Leonardine, con un contributo di 3 euro i bambini potranno partecipare a laboratori a tema, giochi e visite animate. Per visitare anche il museo è previsto un biglietto appositamente per le famiglie.

Nei weekend dal 15 al 31 marzo si tiene a Certaldo la Sagra del Tartufo marzuolo, durante la quale si potranno assaggiare gustose ricette tipiche a base di tartufo e di altri prodotti tipici.

Il 17 marzo, anniversario dell’ Unità d’Italia, a Firenze, il giardino dei Boboli e Palazzo Pitti saranno aperti gratuitamente mentre il  24 marzo, la domenica di vigilia del Capodanno fiorentino e giorno della nascita di Francesco I de’ Medici (nel 1541), sarà aperto gratuitamente tutto il complesso museale degli Uffizi.

Tre gli eventi che si terranno il 31 marzo nella città natia di Leonardo da Vinci per celebrarne il cinquecentenario: la corsa geniale una eco-ultra marathon di 45 Km da Vinci a Collodi, la camminata geniale su un percorso di 17 Km da Montecatini Terme a Collodi e la pedalata geniale, una ecopedalata di 35 chilometri tra le colline e il padule: dal Museo Leonardiano agli affreschi di Annigoni. Per maggiori info clicca qui.

Cosa fare a marzo in Provincia di Pistoia

Nel Museo di arte contemporanea e del Novecento di Monsummano Terme si tengono degli incontri dedicati ad adulti e bambini. Il 17 marzo sarà possibile partecipare a “E’ primavera!” dedicato ai più piccoli e 28 marzo “A 500 anni dalla morte…è ancora il Genio indiscusso: Leonardo da Vinci”. Si ricorda che è necessario prenotare entro le ore 12.30 del giorno precedente telefonando al 0572 952140 e 366 5363331 o scrivendo al [email protected]

Cosa fare a marzo in Provincia di Lucca

Il 10 marzo il CAI Garfagnana organizza una ciaspolata sull’Appenino, per maggiori informazioni contattate [email protected] e non dimenticate l’abbigliamento adatto!

Torna la trentesima edizione della bella manifestazione Mostra Antiche Camelie della Lucchesia, a Pieve e Sant’Andrea di Compito, tutti i weekend dal 16 marzo al  6 – 7 Aprile si potranno ammirare le più disparate camelie e partecipare a passeggiate, esposizioni, concerti oltre che alla tradizionale cerimonia del té giapponese.

Il 23 e il 24 per gli amanti del collezionismo si terrà Lucca Collezionando, la mostra mercato dedicata all’universo del fumetto e a tutti i suoi mondi di riferimento con un ricco programma di ospiti, mostre, incontri e attività

Cosa fare a marzo in Provincia di Livorno

Domenica 17 marzo i camminatori liberi organizzano un’escursione guidata alla Riserva Naturale di Calafuria, un percorso ad anello di 9 km che porta a scoprire punti panoramici incantevoli (15 euro gli adulti, 5 euro per i bambini fino a 12 anni). Per maggiori informazioni contattate [email protected]

Per tutto il mese di marzo presso il Museo di storia naturale del mediterraneo è visitabile la mostra “Rapaci, maestosi battiti d’ali” con più di 40 esemplari tassidermizzati e panni esplicativi per conoscere meglio questi animali.

Cosa fare a marzo in Provincia di Siena Cosa fare a marzo

Per tutto il mese e fino al 23 Aprile 2019, presso il Complesso Monumentale di Abbadia Isola (Monteriggioni), sarà visitabile la mostra “Monteriggioni prima del Castello. Una comunità etrusca in Valdelsa“. Un percorso che dall’Età del Ferro condurrà all’età ellenistica attraverso 250 reperti provenienti dai musei di Firenze, Volterra e Colle di Valdelsa, accompagnati da ricostruzioni in 3D di materiali conservati a Berlino. Saranno presenti anche ricostruzioni multimediali di alcune sepolture etrusche della zona, fra le quali la famosa tomba dei Calisna Sepu.

Ogni giovedì è possibile partecipare, pagando un contributo, a Siena Urban Running, una manifestazione che camminando o correndo porta alla scoperta di percorsi e luoghi culturali della bellissima città di Siena.

Cosa fare a marzo in Provincia di Arezzo

Domenica 3 marzo si terrà l’escursione Neve e Natura – Trek da castello a castello, nel segno della sostenibilità, una singolare iniziativa che oltre che a guidare i partecipanti fino al Castello di Porciano, primo maniero della valle del Casentino, mira a non produrre neppure un rifiuto. Per il pranzo, a base dei prodotti freschi di un’azienda locale si devono portare stoviglie e bicchieri di alluminio. Dopo l’escursione continuerà fino al Castello di Romena (costo 22 euro, comprensivo di pranzo). Per partecipare scrivere a [email protected] indicando n° dei partecipanti nome e cognome e n. di telefono. 

Cosa fare a marzo in Provincia di Grosseto

Domenica 3 marzo a Porto santo Stefano si terrà  la manifestazione Argentario Trail, un emozionante percorso di 23 chilometri tra le bellezze del promontorio toscano.

Il 10 marzo è prevista una visita alla galleria della sorgente del Fiora, con partenza alle 10 che porterà i partecipanti attraverso la galleria di 600 metri che si addentra dentro la montagna. Per prenotare contattare il seguente indirizzo e-mail  [email protected].

Come ogni anno il 19 a Pitigliano ci sarà la tradizionale festa dedicata a san Giuseppe, ritenuta tanto antica tanto da affondare le sue radici nella società etrusca. Durante la Torciata di San Giuseppe viene incendiato il falò che rappresenta l’inverno, da ben quaranta torciatori, attesi nella piazza centrale da figuranti in abiti rinascimentali. Uno spettacolo decisamente suggestivo!

Precedente Libri per un viaggio in Bosnia Successivo Un percorso alternativo della via Francigena: da Altopascio a Ponte a Cappiano lungo le vie d'acqua

Lascia un commento