Cosa fare a marzo in Toscana

Con marzo si inizia a respirare aria di primavera, viene voglia di stare fuori, di fare qualche bella camminata o escursione in campagna e al mare, viene voglia di mangiare sotto i timidi raggi del sole, di fare qualcosa di nuovo! Questo mese in Toscana ce ne sarà per tutti i gusti ed avrete l’imbarazzo della scelta! Il mese inizia alla grande visto che sabato 4 marzo 2017 per il  B&B day è possibile dormire gratis in migliaia di B&B italiani.

Il 26 marzo sarà la Giornata della Guida Ambientale e Escursionistica e per l’occasione saranno organizzate numerose visite guidate alla scoperta della bellezza della Toscana al prezzo simbolico di 1 euro! Per il programma completo dell’evento cliccate qui.

Il 25 e 26 marzo in tutta Italia saranno le giornate Giornate FAI di Primavera, non perdetevi le aperture gratuite!

Ricordiamo inoltre che l’8 marzo i musei statali saranno gratuiti per tutte le donne! Qui potete trovare i musei di Firenze in cui le donne avranno l’ingresso gratuito.

Cosa fare a marzo in Provincia di Massa-Carrara

Tutti i sabati del mese il Rifugio Antiaereo della Martana, in centro a Massa sarà aperto dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Il Rifugio fu costruito per proteggere la popolazione dai pesanti bombardamenti aerei a cui fu sottoposta la città e dal 1944 fu sede delle truppe naziste. L’ingresso è gratuito. L’11 e il 25 marzo alle ore 17.30  il rifugio ospiterà due incontri in collaborazione con il Gruppo Speleologico Archeologico delle Apuane, il tema sarà rispettivamente “Geologia delle Apuane: un laboratorio naturale” e “Confini delle esplorazioni speleologiche”.

Cosa fare a marzo in Provincia di Pistoia

In occasione della presentazione del numero della rivista NATURART dedicato alla città di Pistoia il 4 marzo dalle 16 alle 19 sarà possibile partecipare alla visita guidata gratuita al Museo della sanità pistoiese e al teatro anatomica presso lo storico Spedale del Ceppo. È necessaria la prenotazione, entro venerdì 3 marzo, scrivendo una mail a [email protected]it oppure telefonando al 335/7771883 in orario 9-13 e 15-18.

Al Planetario di Monusummano Terme il 12 marzo sarà possibile a partecipare all’ultimo incontro gratuito di Domenica al Planetario alle ore 16, sull’origine dell’universo: il Big Bang. I bambini sono i benvenuti, è necessaria la prenotazione.

Cosa fare a marzo in Provincia di Prato

Antica fiera del bestiame di San Giuseppe 2017
Terminerà il 19 marzo la mostra “La fine del mondo” presso Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci. La mostra ha l’intento di indurre a vedere il nostro presente da lontano attraverso le opere di cinquanta artisti. Conferenze, dibattiti, proiezioni, spettacoli teatrali e di danza accompagneranno la mostra.

Cosa fare a marzo in Provincia di Firenze

Fino al 12 marzo sarà possibile partecipare alle visite guidate gratuite alla mostra Giovanni dal Ponte realizzata presso la Galleria dell’Accademia di Firenze.

Per tutto il mese di marzo la chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte (XII secolo) ospiterà la suggestiva e innovativa Klimt Experience che permette attraverso un sapiente uso di maxi-schermi un’immersione totale nelle opere del celebre pittore austriaco e nella Vienna nel XX secolo.

Il 26 marzo in occasione della Giornata della Guida Ambientale e Escursionistica l’associazione Toscana Hiking Experience propone l’escursione storico naturalistica da Iano (Montaione) al Santuario della Pietrina al costo simbolico di 1 euro. Noi abbiamo già prenotato!

Cosa fare a marzo in Provincia di Lucca

A Camaiore dal 4 al 6 marzo 2017 si terrà Terre di Toscana, eccellenze nel bicchiere, una manifestazione che riunirà ben 130 produttori viticoli importanti, di nicchia e internazionali. Se siete amanti dei vini quindi non lasciatevi sfuggire quest’occasione.

L’11, il 12,18, 19 , 25 e 26/03 2017 a Capannori si terrà lAntica Mostra delle Camelie dove tra serre, giardini, mostre e passeggiate nel borgo sarà possibile assistere alla cerimonia del tè eseguita dalla maestra Yoko Shimada. Noi ci siamo stati lo scorso anno, per info clicca qui.

Cosa fare a marzo in Provincia di Pisa

Se ancora non siete riusciti a visitare le mura medievali di Pisa potete approfittare della nuova apertura straordinaria prevista per il 4 e 5/03 (dalle ore 9.30 alle ore 15.30). Gli accessi sono: Torre di Legno in piazza Federico del Rosso, angolo via del Borghetto-Lungarno Buozzi, salita con scale e con elevatore per disabili; Piazza delle Gondole, salita con scale e con elevatore per disabili; Torre Piezometrica presso la ex Marzotto, con accesso da via San Francesco e da via Vittorio Veneto, salita con scale e con elevatore per disabili; Torre di Santa Maria, con accesso da Piazza del Duomo e da via Contessa Matilde, salita solo con scale. (ANNULLATA PER MALTEMPO) Per maggiori informazioni clicca qui. Sabato 4 potrete visitare gratuitamente il Museo degli strumenti per il Calcolo, domenica 5 potrete inoltre approfittare della visita gratuita organizzata per le ore 11 al Museo San Matteo (aperto gratuitamente dalle 8.30 alle 13.30 la prima domenica del mese. Sia sabato 4 che domenica 5 è visitabile la Chiesa della Spina.

Il 12 marzo Montaione Naturaorganizza un’escursione gratuita in occasione del Paesaggio ritrovato 2017 che condurrà i camminatori da Corrazzano a Palaia per Collegalli e le valli selvagge del Chiecina e del Chiecinella. Non scordatevi di prenotare al 0571699205.

Domenica 19 marzo sarà possibile partecipare alla camminata gratuita “La Torre Segata. Alla scoperta della misteriosa Torre dell’Aquila “divisa a metà” sui monti di Filettole.” per conoscere meglio il territorio di Ripafratta e la sua storia. Per info clicca qui. È gradita la prenotazione scrivendo a [email protected] o telefonando al numero 366.2806419

Dal 24 al 26 marzo non perdetevi il Capodanno Pisano che sarà festeggiato non solo il 25 marzo alle 12 con la cerimonia in piazza dei Cavalieri in cui confluiranno i diversi cortei storici e con uno spettacolo pirotecnico sui Lungarni, ma anche il giorno precedente con la cena negli Arsenali Repubblicani!

Curiosi di visitare la torre del Conte Ugolino? Allora prenotate per il pomeriggio del 6, 7, 15, 20, 22, 27 e 29 marzo cliccando qui.

Cosa fare a marzo in Provincia di Livorno

Il 18 e il 19/03 la Fortezza Vecchia a Livorno ospiterà un mercatino artigiano e tanta musica, suoni e colori per festeggiare l’equinozio di primavera!

Sempre in occasione della Giornata della Guida Ambientale e Escursionistica all’isola d’Elba sarà possibile partecipare all’escursione Il respiro leggero della vetta  con visita di Rio nell’Elba , dei lavatoi pubblici, del paese dei minatori fino ad arrivare al sentiero del Monte Serra, dove sarà possibile ammirare un panorama unico. L’incontro è previsto presso la Casa del Parco di Rio Nell’Elba, alle ore 10.00, il ritorno alle 14 circa.

Cosa fare a marzo in Provincia di Siena

Domenica 5, 12, 19 e 26/03 continua l‘itinerario “A piccoli passi” di Siena for kids con partenza alle ore 11 dalla Pinacoteca Nazionale o dal Museo Civico di Siena da dove le Guide turistiche dell’associazione Centro Guide, AGT e Federagit porteranno in giro i piccoli turisti e i loro accompagnatori (6 euro a bambino, primo accompagnatore gratis, secondo accompagnatore 6 euro).

Il 19 marzo riprenderà l’iniziativa Treno Natura che a bordo di un favoloso treno a vapore vi porterà da San Giovanni d’Asso a Montalcino per la Festa del Tartufo Marzuolo.

Cosa fare a marzo in Provincia di Grosseto

Il 19/03 a Pitigliano si rinnova come ogni anno un’antichissima tradizione che viene fatta risalire addirittura agli Etruschi: la Torciata di San Giuseppe. Nella notte di San Giuseppe infatti viene bruciato il falò che rappresenta l’inverno, da ben quaranta torciatori, attesi nella piazza centrale da figuranti in abiti rinascimentali.

In occasione della giornata delle Guide Ambientali della Toscana il 26 marzo, l’Associazione delle Guide Ambientali Agae l’escursione con visita al borgo di Roccalbegna, attraversato del fiume Albegna, il Mulino di Roccalbegna e la Riserva degli Alberi Monumentali di Pescinello, al costo speciale di 1 euro. Per prenotare potete trovare maggiori informazioni qui.

Precedente Fuga a Budapest Successivo L'asceta che uccise il drago e l'Eremo di Malavalle

Lascia un commento