L’ipnotico pozzo di Chand Baori

L'ipnotico pozzo di Chand BaoriPrima di andare in India quando mi immaginavo che cosa avrei visto tra le prime immagini a venirmi in mente compariva un baori, un pozzo molto diffuso in India, costruito per raccogliere le piogge del monsone. Grazie alle numerose scalinate le persone potevano raggiungere l’acqua in tutti i periodi dell’anno e il pozzo diventava luogo delle rituali abluzioni ma anche di socializzazione, da dove si poteva assistere a cerimonie religiose e teatrali. La vicinanza dell’acqua e le ombre offrivano anche rifugio dalla calura estiva.
L'ipnotico pozzo di Chand Baori

Uno dei motivi per cui avevamo inserito Bundi nel nostro itinerario di quindici giorni in India (Rajasthan) era che lì si trova uno dei più bei baori di tutta l’India.Poichè la tappa di Bundi era appena saltata non potete immaginare la gioia quando il nostro bravo autista Vinod (che vi consigliamo, è della Tourist Drivers India) ci ha proposto di fermarci nel villaggio di Abhaneri, vicino a Jaipur (95 km), al Chand Baori, il baori più grande di tutta l’India che deve il nome al suo costruttore re Chand della dinastia di Nikumbha.L'ipnotico pozzo di Chand Baori

All’interno non c’è praticamente nessuno (soprattutto se paragonata alle altre attrazioni indiane!), si respira un’aria calma e tranquilla. Appena entrati nel cortile si è subito stregati dalle numerose gradinate che si intrecciano e formano forme geometriche mutevoli ed ipnotiche (3500 gradini). Su un lato si trova il tempio di Harshat Mata, costruito nell’VIII secolo, molto probabilmente in concomitanza con il pozzo stesso.L'ipnotico pozzo di Chand Baori

Non è possibile scendere all’interno del pozzo, ma lo spettacolo è veramente unico! Il livello dell’acqua dipende ovviamente dalla stagione.

L’ingresso è ad offerta, sono disponibili anche alcune guide a pagamento. La visita dura circa 15/20 minuti mezzora al massimo.

Il consiglio è di non perdervelo!

L'ipnotico pozzo di Chand Baori

Precedente Bagno Vignoni e le sue terme libere Successivo Alla scoperta di Firenze: Corri la vita

Lascia un commento

*