Weekend in Provenza-Alpi Marittime-Costa Azzurra

Diverse volte eravamo passati dalla Provenza attraversandola percorrendo l’autostrada, ma non ci era mai capitato di fermarci. Quest’anno invece l’abbiamo scelta come meta del nostro mini viaggio pasquale in quanto è una meta relativamente vicina da dove abitiamo (4 ore e mezza di macchina) e ha generalmente un clima mite e soleggiato. Eravamo incuriositi da questa regione che a metà giugno si tinge delle tonalità del lillà e dell’inebriante (quanto fastidioso per quelli come me che ne sono allergici) profumo di lavanda, di scoprire i piccoli borghi medioevali e di rilassarci davanti all’azzurro mare. Inoltre diversi anni fa lessi un libro in cui padre e figlio si avventuravano in un breve ma intenso viaggio in costa azzurra in inverno pur non ricordandone il titolo (altrimenti mi sarebbe piaciuto rileggerlo) mi sono sempre ricordata quella sensazione di pace e di calma che mi ha trasmesso e forse inconsciamente volevo ricercarla in luoghi reali.

Col senno di poi avrei organizzato un itinerario diverso, concentrandomi di più sulla zona delle Alpi marittime, a causa dei costi infatti abbiamo deciso di alloggiare a Villenueve Loubet. Questo è stato il nostro itinerario in Provenza- Alpi Marittime- Costa Azzurra per 4 giorni.

Itinerario in Provenza- Alpi Marittime- Costa Azzurra per 4 giorni: 

Primo giorno: dopo 5 ore di viaggio in auto abbiamo deciso di fermarci a Saorge, un bellissimo e ben mantenuto paese medioevale da cui si gode di un favoloso panorama sul Roya. Per raggiungerlo abbiamo costeggiato il fiume Roya con le sue acque invitanti e fredde e passato, purtroppo senza fermarci, Breil sur Roya. Passeggiare per Saorge alla scoperta dei suoi vicoli e dei suoi panorami è stato molto divertente, le strade lastricate del piccolo villaggio infatti si intersecano, si separano e si uniscono come in un complicato labirinto dove è difficile capire in che punto ci si trova. All’ingresso della cittadina in una piccola cassetta di legno potete prendere la cartina del borgo almeno non vi perderete o almeno ne diminuirete le probabilità! Siamo arrivati fino al Monastero di Saorge.

Secondo giorno: Antibes e Cap d’Antibes con pranzo sul mare.

Terzo giorno: Col de Vence, il piccolo ma bel paese di Coursegoules da cui si ha una splendida vista panoramica, e i due paesi medioevali traboccanti d’arte: Vence e Saint Paul de Vence.

Quarto giorno: Eze Village un villaggio medioevale molto pittoresco caratterizzato di vicoli da cartolina e aromi inebrianti di fiori. Vi consigliamo di arrivare fino alla sommità che è racchiusa all’interno del Jardin Exotique (ingresso 6 euro) dove è possibile ammirare diverse specie di piante grasse e i resti del castello oltre che godere di una vista che definire superba è poco.

Dove alloggiare per spendere poco

Abbiamo scelto di alloggiare al B&B Hotel Villeneuve Loubet Village, un hotel economico (forse il più economico della costa azzurra) molto pulito. La posizione non è male, il wi-fi funziona bene, è dotato di parcheggio gratuito e ed è possibile fare un abbondante colazione.

Provenza con bambini

La zona della Provenza-Costa Azzurra- Alpi Marittime si gira bene con bambini di ogni età. Frequenti sono i parchi giochi racchiusi all’interno di un recinto con tanto di cancelletto per fare qualche pausa con i pargoli. Numerose sono inoltre le toilet gratuite (specie nei centri minori) che però non sono dotate di fasciatoio. Quasi tutti i ristoranti hanno i seggioloni per i bambini. Se vi dimenticate l’acqua non vi preoccupate, incontrerete durante il vostro cammino fontanelle con acqua potabile.

Per visitare i villaggi considerate che quasi tutti i centri storici non sono asfaltati pertanto viaggiare con il passeggino è faticoso (considerando che sono tutti sali e scendi) ma fattibile.

 

Precedente La Badia perduta di San Pietro in Palazzuolo Successivo Norchia Antica: esploratori per un giorno