I misteri di Codiponte

Templari, misteriose statue stele, antichi culti pagani, enigmatiche rappresentazioni di antichi maya, un castello abbandonato sovrastato da un monastero…può tutto ciò trovarsi in un unico borgo? Sì, se parliamo di Codiponte, un borghetto lunense nato intorno al ponte sul torrente Aulella. Le case in pietra del borgo si arrampicano lungo il fianco della collina su cui ancora oggi sorgono i resti dell’antico castello, mentre si sale seguendo le tortuose ed irte viuzze non è raro imbattersi in portali riccamente decorati e in antiche colonne, probabilmente recuperate dai crolli del castello. Molti sono gli edifici in stato di abbandono che permettono di sbirciare all’interno mostrando ancora gli arredi di abitazioni ormai disabitate da molto tempo. Abbiamo letto che proprio in questo borgo furono rinvenuti i resti di una statua stele, che testimonia l’antica frequentazione dell’area e la presenza di culti pagani. Scavi archeologici hanno rivelato infatti che la zona fu frequentata dai liguri e successivamente dai Romani.

Del castello, non rimane molto: le mura perimetrali difensive, la porta di accesso dal paese, l’edificio ad essa addossato, e una parte di quella che fu trasformata intorno al XIV-XV secolo in palazzo: un porticato elegante, con la volta conservata è la parte più interessante. Il bosco è spoglio e così possiamo esplorare la zona sommitale e ammirare il panorama senza l’intralcio dei rovi e della vegetazione.

LEGGI ANCHE: LA TORRE GUALTEROTTA E ALTRI TESORI NASCOSTI, ESCURSIONE SULLE TRACCE DELL’UMBRIA NASCOSTA

LEGGI ANCHE: LUNIGIANA, LA SCOZIA TOSCANA

Seguendo un sentiero non segnalato che dalla porta d’ingresso porta a fare un semi-giro in torno ai ruderi cerchiamo di arrivare al convento delle clarisse, che con la sua mole ed altezza sovrasta il castello sulla cima della collina di fronte. Il sentiero scende fino ad un ponte di legno e risale la collina opposta. Purtroppo il convento è ora proprietà privata quindi il bel complesso è inaccessibile (tutti gli accessi sono chiusi) così ci accontentiamo di girarci intono e ritorniamo a Codiponte. Sulla sponda opposta al borgo, al di là del ponte in pietra si trova la parte moderna del paese e una splendida pieve protoromanica dei Santi Cornelio e Cipriano di Codiponte (prima menzione 793) che si dice fu frequentata dai templari.

La pieve di Codiponte, ha un tetto a capriate lignee decorate cinquecentesche, molto bello, una vasca battesimale ad immersione a pianta esagonale di cui rimangono pochi resti ma le cose più belle da ammirare sono: l’acquasantiera con la croce templare circondata dal serpente che si morde la coda e i capitelli altomedievali. I repertori figurativi non sono infatti ancora quelli codificati successivamente, le figure ritratte non sono scelte dalle scene bibliche ma sono ancora collegate ai repertori pagani: la sirenetta ritratta con le due code divaricate, l’atleta o uomo itifallico, sono infatti simboli di fertilità, scomparsi dalle successive rappresentazioni ecclesiastiche e chiaramente collegati a culti precedenti. Sembra addirittura che la sirenetta sia collegata al culto longobardo della dea Freya. Passeggiando a testa in sù osservando i capitelli si è circondati da elementi fitomorfi come margherite a sei petali e foglie di palma, nastri intrecciati, oltre a creature mostruose e bestie non meglio definite. Ma le sorprese non finiscono qui infatti una volta assaporato con calma l’interno ci siamo avventurati in un giro perimetrale esterno della chiesa e ci siamo imbattuti in una porta decorata con strane figure che forse perchè ancora suggestionati dal nostro recente viaggio in Messico ci sono sembrate rappresentazioni di maya. Si vocifera infatti che i Templari che secondo alcuni sarebbero stati in America avrebbero scolpito qui la rappresentazione di questi strani uomini incontrati durante il loro viaggio.

NELLE VICINANZE SI TROVA: BERGIOLA, UN BORGO DISABITATO

Non dimenticate di osservare bene il trittico con la Madonna con il Bambino con a destra i santi Cornelio e Cipriano e a sinistra la raffigurazione del Volto Santo. In basso in una delle tre predelle sarebbe anche rappresentato l’arrivo al porto di Luni del venerato crocifisso ligneo acheropita (cioè non sarebbe stato fatto dall’uomo ma sarebbe apparso da sè) che proprio da questa chiesa sarebbe transitato.

Come arrivare a Codiponte

Codiponte si trova nel comune di Casola in Lunigiana. Si può parcheggiare prima del ponte di pietra e poi andare verso il paese. Per raggiungere il castello basta salire verso la cima della collina, ogni tanto ci sono dei piccoli cartelli scritti a mano che indicano la direzione. Mentre salite non tralasciate di fermarmi nella parte più alta del borgo, di cui si intravede un arco di accesso. Una volta entrati dalla porta principale del castello, ed aver deviato per vedere i ruderi del palazzo, tornate sul sentiero che aggira parte della collina e che arriva fino al convento delle clarisse, anche se è chiuso il panorama sul borgo e sul castello merita.

LEGGI ANCHE: 5 MOTIVI PER VISITARE LA SLOVENIA

 

Precedente Calakmul, la città perduta nella giungla Successivo Il Monastero di Rila e le Piramidi di Stob

Lascia un commento

*