Perché passare una giornata con i bambini al Giardino Zoologico di Pistoia

Una gita che non può mancare quando si è in Toscana con i bambini è sicuramente quella al Giardino Zoologico di Pistoia. Tra animali più comuni della fattoria come le capre e i cavalli e quelli più “selvaggi” come gli orsi, le tigri, i leoni si possono apprendere curiose informazioni su ogni specie presente. L’immancabile area giochi offre inoltre la possibilità ai bambini di svagarsi.

Perchè andare al Giardino Zoologico di Pistoia

Non ci sono mai piaciuti molto gli zoo, ma il Giardino Zoologico di Pistoia, in molti casi vi ricorderà più un bosco che un classico zoo. La vegetazione è rigogliosa, molti degli animali presenti sono stati portati via da contesti in cui erano chiusi in piccole gabbie, altri sono nati in cattività. Ma la cosa che più ci ha colpito è stata che andando al giardino zoologico di Pistoia si sostiene una Campagna di riforestizzazione al centro del Madagascar fatta ad opera delle popolazioni locali per evitare l’estinzione del lemure catta ma anche  programmi per la conservazione del gibbone dalle guance rosa, il leontopiteco testa nera, l’orso bruno marsicano, l’avvoltoio grifone e il pinguino africano.
Il Giardino Zoologico di Pistoia offre la possibilità di incontrare da vicino specie di animali che generalmente è difficile vedere dal vivo modo in Italia, di conoscere abitudini e curiosità su questi animali e di proteggere specie in via d’estinzione sia  contribuendo al finanziamento dei progetti sopra elencati sia diffondendo una maggior consapevolezza sulla necessità del rispetto degli animali e delle loro peculiarità. Può sembrare strano che ciò avvenga in un ambiente in cui gli animali non sono liberi, ma a ciò è possibile grazie anche alla collaborazione con le Università che permette una conoscenza approfondita di comportamenti e dei bisogni degli animali oggetti di studio e grazie alla diffusione delle conoscenze tramite progetti specifici effettuati presso le scuole.

Il Giardino Zoologico di Pistoia è molto ben tenuto, il personale è molto gentile e preparato. Non tutti gli animali sono sempre visibili, specialmente  quelli che hanno a disposizione spazi più ampi per muoversi. Alcune zone sono in fase di rinnovamento per rimodernare alcuni spazi dedicati ad animali già presenti e per l’arrivo di nuove specie. Il parco infatti si espanderà ad ovest raddoppiando l’attuale estensione.

La visita 

Consigliamo di dedicare al parco una giornata intera, noi siamo entrati alle 9.30 e ne siamo usciti poco prima delle 18!
Tutti i giorni viene esposto un programma con gli eventi organizzati e gli orari relativi. Noi abbiamo partecipato allo spuntino con i pinguini, alla colazione con gli orsi, in Africa con i suricati, e alla visita che avviene ogni 5 minuti ai lemuri. Davvero molto interessanti perchè permettono di vedere da vicino gli animali in questione.
Bambini ed adulti possono avvicinarsi agli animali in modi anche molti singolari come ad esempio percorrendo dei tunnel che portano ad una cupola trasparente all’interno della zona dedicata ai suricati e ai pinguini. Quando Adele è entrata nella cupola dei suricati ne aveva uno sopra la testa! 

Un’area che ci è molto piaciuta è quella dedicata agli orsi, oltre ad avere un ampio spazio a disposizione è molto carina la parte dedicata alla diffusione della conoscenza dei comportamenti e delle abitudini di questi animali, in cui si ha la possibilità di misurarsi confrontandosi all’altezza di un orso, di vedere che cosa mangia, la grandezza delle zampe, di conoscere la loro storia e di sapere come vengono “intrattenuti” per ravvivare la loro giornata. 
Nella zona della fattoria è possibile dare da mangiare alle capre (portatevi 20 centesimi per il mangime!) e toccare il cavallo.

Durante la visita incontrerete numerosi bagni, con aree dedicate al cambio pannolini dei bambini più piccoli e fontanelle con acqua potabile.

Orari e ingresso al giardino Zoologico di Pistoia

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 18 durante i giorni lavorativi e i festivi dalle 9.30 alle 19.

L’ingresso costa 15 euro, 11 euro dai 3 agli 11 anni, 14 euro sopra i 65 anni. Sono previsti abbonamenti annuali e biglietti per gruppi. Per maggiori informazioni cliccare qui.

Precedente Il tunnel del Granduca Successivo Chichén Itzá: una delle sette meraviglie del mondo moderno

Lascia un commento