Come muoversi in Messico

Se state pensando di organizzare un viaggio nel grande e popoloso stato federale del Centro America, questo post vi servirà a chiarirvi le idee su come muoversi in Messico. Quando si organizza un viaggio fai-da-te, una delle prime cose su cui informarsi è proprio come spostarsi nel paese scelto come destinazione, per cui teniamo sempre a scrivere questo tipo di post.(QUALI SONO STATE LE NOSTRE TAPPE? LEGGI: ITINERARIO DI 16 GIORNI IN MESSICO)

Come muoversi in Messico: l’auto

La maggior parte delle persone che organizza un viaggio itinerante in Messico decide di noleggiare un’automobile per muoversi in autonomia. Sicuramente l’auto garantisce infatti un’indipendenza e una libertà di movimento  ineguagliabili, anche se comporta più pensieri e problemi, oltre che un costo maggiore. Le compagnie di autonoleggio sono molte e diffuse. Noi non abbiamo fatto direttamente quest’esperienza ma abbiamo conosciuto un po’ di persone che hanno preferito quest’opzione, soprattutto per girare lo Yucatan (leggi il Quintana Roo e lo stato di Chetumal). Ci sentiamo di riportarvi alcune delle avvertenze che ci sono state riferite: non guidate in orario notturno e se la polizia vi ferma e perquisisce l’auto, controllate sempre quello che stanno facendo. Per il resto anche dalla nostra esperienza possiamo dirvi che soprattutto per il Messico del sud, sud-ovest le strade sono poco trafficate e le macchine poco diffuse.

LEGGI ANCHE: VIAGGIARE CON BAMBINI, SÌ O NO?

Come muoversi in Messico: l’aereo

Viste le grandi distanze del Messico l’aereo è molto indicato per coprire centinaia e centinaia di chilometri in breve tempo. Noi abbiamo preso due voli interni da Città del Messico a Oaxaca (distanza percorribile anche con 7 ore di autobus), con Interjet e da Cancun a Città del Messico con Aeromexico. Nonostante avessimo letto cattive opinioni su Interjet, ci siamo trovati benissimo con questa compagnia e da quello che abbiamo visto in aeroporto tutti i voli sono in genere molto puntuali, il servizio è ottimo, c’è molto spazio tra i sedili  e il prezzo è decisamente concorrenziale! le compagnie aeree sono comunque molte, le più usate sono appunto Interjet, Aeromexico, Volaris (di cui però abbiamo visto qualche volo cancellato) e Volaribus.

Come muoversi in Messico: i mezzi pubblici (e privati)

I mezzi pubblici hanno da sempre un fascino naturale, un carisma che rende piacevoli anche interminabili viaggi sballottanti. Noi abbiamo scelto di utilizzare questi ultimi in combinazione con gli autobus di compagnie private, in particolar (o unico) modo la Ado, che nel sud, sud-ovest è la migliore compagnia di trasporto, utilizzata da molti turisti (soprattutto nello Yucatan) ma anche da molti locali e turisti messicani.

I Messico è possibile scegliere di muoversi con:

Sulle lunghe tratte gli autobus di compagnie private: grandi autobus che offrono servizi di diversa qualità. In Chiapas e nello Yucatan troverete senz’altro la Ado, una compagnia che offre servizi di prima classe (con bagno a bordo), con differenti livelli: Ado Platinum, Ado Gl e Ado OCC, pulita puntuale e molto comoda, soprattutto la Platinum e la GL! Compagnie di seconda classe molto diffuse cono la MayaB e la Oriente, più economiche ma più scomode. Tutte queste compagnie partono comunque dalla stazione Ado, che troverete, tranne le piccolissime stazioni di qualche paesino, sempre fornite di un negozzietto e di connessione WI-FI gratuita. Noi abbiamo usato la Ado per molti spostamenti di solito utilizzando la OCC e in una caso, per il notturno tra Oaxaca e San Cristobal de Las Casa (10 ore) Ado Gl, molto comodo! Per prenotare i biglietti molto comodo è il sito e anche l’applicazione Ado movil.

La tratta San Cristobal del Las Casas – Palenque è come scritto da molte parti consigliabile percorrerla di giorno, sia perchè la strada è tutta curve, sia perchè possono verificarsi rari e sporadici casi di rapina. Noi per questo percorso abbiamo abbandonato gli Ado e con 50 pesos in più abbiamo deciso di partecipare ad un tour privato in minibus di visita giornaliera a Palenque, di cui però abbiamo sfruttato solo il passaggio di andata (ci siamo infatti fermati due notti nella città) e la visita alle cascate di Agua Azoul e Misol Hà.

LEGGI ANCHE: ITINERARIO DI 12 GIORNI IN BULGARIA

Sulle tratte meno battute o più brevi con i colectivo (o combi) o con i taxi collettivi: i collectivo sono un modo di muoversi stupendo, sia perchè permettono di vedere un’umanità e una quotidianità affascinante e autentica sia perchè ti portano dappertutto, ad un costo basso. Di solito partono vicino alla stazione degli ADO, comunque nei vari post indicheremo sempre dove si trova la stazione dei colectivo. La loro frequenza è impressionante e anche quando spersi nella Selva Lacandona al Cruzeiro San Javier attendevamo sfiduciati che ne passasse uno non abbiamo dovuto aspettare per più di dieci minuti!

LEGGI ANCHE: COSA METTO IN VALIGIA?

Nel caso i colectivo non siano minibus ma pic-up, il prezzo scende e assumono il nome anche di camionetas.

Dove non arrivano i colectivo arrivano i taxi collettivi, normali taxi che vengono occupati da 4 persone che devono andare nella stessa direzione, il prezzo si divide e quindi diventa più economico, molto usato dai locali.

Sulle tratte corte i taxi: come in ogni luogo, poi ci sono i taxi!

Come muoversi in Messico: la bicicletta

Molto comodo è poi noleggiare le biciclette, cosa che abbiamo fatto a Valladolid, per andare ai cenote, a Bacalar o a Tulum per spostarci in autonomia tra il sito archeologico, il gran cenote e la spiaggia! Tenete presente che le biciclette in Messico, tranne le mountain bike, hanno il freno ai pedali e sono abbastanza pesanti), quindi attenzione!

 

Precedente Il borgo fantasma di Bacchionero Successivo Usiglian del Vescovo: un vigneto tra antiche dune

Lascia un commento

*