Il Profeta dell’Amiata, la Torre Giurisdavidica e il Monte Labbro

Monte Labbro e l'Eremo di Dadid LazzerettiSu una delle vette del Monte Amiata, il Monte Labbro si nascondono le traccie di un movimento profetico e messianico della seconda metà del 1800 fondato dal predicatore David Lazzeretti.

Seguendo infatti un breve percorso si arriva sulla spoglia cima del Monte Labbro dove, sul punto più alto, a 1193 metri, si trovano i resti della Torre Giurisdavidica fatta costruire dal così detto profeta dell’Amiata. Oltre alla torre si possono ammirare i resti delle strutture costruite per la comunità che si radunò intorno a David Lazzaretti. Il suo culto, che affondava le radici nelle dottrine di Gioacchino da Fiore, fece molti proseliti tra i contadini dei dintorni, fino ad arrivare addirittura in Francia.

NELLE VICINANZE SI TROVA: LA MINIERA DI MERCURIO DEL MONTE AMIATA

Oltre la Torre è possibile addentrarsi nella grotta dove David Lazzeretti ad un certo punto si ritirò e si può visitare le altre strutture persistenti, tra cui i resti di una chiesa.Monte labbro e l'Eremo di Dadid Lazzeretti

Ci hanno raccontato che dalla cima della Torre si gode di un panorama magnifico. Noi non abbiamo potuto ammirarlo poichè una densa e fitta nebbia avvolgeva la cima lasciandoci solo intravedere le quasi indistinte sagome delle mucche che individuavamo soprattutto per lo scampanellio.

Anche avvolto nella nebbia il luogo ha un grande fascino accentuato dagli asini e dalle mucche che pascolano sulle pendici del Monte e dalla brulla vegetazione che ci illude di essere ad una quota altimetrica maggiore.

Il movimento giurisdavidico fondato da David Lazzaretti, che si riteneva il nuovo Messia, aveva oltre a finalità solidaristiche, l’intento di abolire alcune  dottrine della Chiesa che loro ritenevano false come il celibato dei sacerdoti, la confessione auricolare, l’eternità della permanenza dei malvagi all’Inferno. I riti di culto erano stati semplificati e il battesimo era un “battesimo di fuoco” durante il quale, sul petto, era impresso con il fuoco un sigillo costituito da due lettere C contrapposte separate da una croce.

LEGGI ANCHE: SAN JUAN DE CHAMULA E I RITI MAYA E CRISTIANIMonte Labbro e l'Eremo di David Lazzaretti

David Lazzaretti morì ucciso nel 1878 dalla polizia durante una sparatoria avvenuta mentre il profeta capeggiava una processione che scendeva dal Monte Labbro verso la città di Arcidosso.

Come arrivare sul Monte Labbro e alla Torre Giurisdavidica

Da Arcidosso e Santa Fiora si segue in direzione Aiole dove si svolta in direzione Roccalbegna, sulla statale 323 a questo punto si svolta a desta nella strada Località Rondinelli o in quella immediatamente successiva e si seguono le indicazioni. L’automobile deve essere parcheggiata in un piazzale con area pic-nic e un prefabbricato in legno.

Si prosegue quindi a piedi per la strada in salita, dopo aver superato il cancello di legno si prosegue verso la cima. Tempo impiegato per il percorso a piedi 10/15 minuti.

LEGGI ANCHE: ESCURSIONE TRA I BOSCHI DEI PARTIGIANI ALLA RICERCA DEL CASTELLO D’ELCI

Monte Labbro e l'Eremo di David Lazzaretti Monte Labbro e l'Eremo di David Lazzaretti Monte Labbro e l'Eremo di David Lazzaretti

Monte labbro e l'Eremo di Dadid Lazzeretti

Monte Labbro e l'Eremo di David Lazzaretti

Precedente L'anello di Alica Successivo Grotte di Devetashka e le cascate di Krushuna

Lascia un commento