Cosa fare a settembre 2019 in Toscana

Le giornate si accorciano, le giornate al mare assumono un colore dorato, qualche foglia inizia a cadere dagli alberi, le scuole riaprono e viene voglia di un buon piatto a base di funghi e di castagne: è ufficiale è arrivato settembre!

Se avete qualche giorno di ferie vi segnaliamo un’interessante cammino in autogestione “I cammini di Francesco in Casentino” con le guide di Altertrek che fungeranno da accompagnatori.  il cammino parte il 29 febbraio da Firenze e arriva a La Verna il 4 ottobre, in cui si percorrono 100 km in 6 giorni con panorami spettacolari, Per maggiori informazioni cliccate qui.

Cosa fare a settembre in Provincia di Massa Carrara

Fino al 7 settembre se amate la birra non perdetevi il Carrara Bier Fest, la manifestazione tipica bavarese al gusto di birra!

Fino all’11 settembre a Fivizzano è allestita la mostra Dipinti Tarocchi Psicologici dell’artista internazionale Susanna Viale in vari luoghi del centro storico.

Cosa fare a settembre in Provincia di Pisa

Il 29 settembre sarà un giorno dedicato alle visite della Rocca di Ripafratta in occasione del settembre sangiulianese.

Il primo giorno di settembre Peccioli si trasforma con il Tuscania Festival della Creatività in un centro di aggregazione artistica con musicisti, performers, mostre, installazioni interattive, workshop e laboratori.

Continua anche a settembre la mostra Arthropoda. Viaggio in un microcosmo presso il Museo di Storia Naturale di Calci, un modo per conoscere più da vicino il mondo degli insetti, dei ragni e degli scorpioni con riproduzioni giganti!

In occasione della 3’edizione della Giornata Nazionale dei piccoli musei, il 29 settembre, ai Musei di Villa Baciocchi di Capannoli sarà donato ai visitatori un piccolo monile ispirato all’anfora etrusca esposta nella sezione archeologica del museo.

Cosa fare a settembre in Provincia di Firenze

Il 14 e 15 settembre riapre al pubblico la parte più preziosa della Collezione d’arte di Fondazione CR Firenze, le opere di Giotto, Mariotto di Nardo, di artisti rinascimentali come Filippino Lippi e Vasari, dei pittori macchiaioli e naturalisti, come Fattori e Borrani, dei protagonisti del Novecento, come Colacicchi e Conti, senza tralasciare la serie di vedute di Firenze eseguite tra il XVII e il XIX secolo saranno visitabili su prenotazione, gratuitamente. Per prenotarsi clicca qui oppure 055 5384001 [email protected]

In occasione dell’Estate Fiorentina sono previste delle visite guidate gratuite nei giardini di Firenze nell’ambito del progetto Amir: accoglienza musei inclusione relazione: all’area archeologica di Fiesole la prima domenica del mese alle ore 10:30, venerdì 13 all’orto Botanico alle ore 16, sabato 21 al giardino della Fondazione Primo Conti alle ore 16:30 e la domenica successiva all’area archeologica di Fiesole alle ore 10:30. 

Torna ad essere visitabile per tutto il mese di settembre la Torre di san Niccolò, una delle più famose torri fiorentine tutti i giorni alle ore 16 e alle ore 18,30. Il costo della visita è di 6 euro, per maggiori informazioni o per prenotazioni telefonare allo 055/2768224 o al 055/2768558 o inviare una e-mail a [email protected] .

Cosa fare a settembre in Provincia di Pistoia

Il 21 e il 22 settembre a Pistoia si apriranno le porte di alcuni chiostri monastici ed altri siti molto interessanti per l’iniziativa nazionale “Un giorno per bene” organizzata dal Touring Club Italiano. Precisamente Sabato 21 dalle ore 10 alle 12 potrà essere visitato l’orto conventuale e i chiostri di S. Domenico, dalle ore 16 alle 17,30 toccherà al chiostro di S. Francesco e alla piazza antistante. Domenica 22 sarà la volta invece dalle ore 9,30 alle 10,30 dell’ex-orto conventuale di S. Maria del Carmine (“Giardino Volante”), dalle 11 alle 12,30 del chiostro grande e degli spazi adiacenti della chiesa e al convento di S. Lorenzo, dalle 16 alle 17,30 dell’ex orto monastico di S. Bartolomeo. Per maggiori informazioni e prenotazioni scrivete a [email protected] o telefonate al 3396723270.

Cosa fare a settembre in Provincia di Lucca

Il 1 del mese si tiene un interessante manifestazione storica a cavallo “tra realtà e fantasia” nell’antico borgo di Nozzano Castello dove all’interno delle mura sembra di fare un salto indietro nel tempo tra storiche osterie, antichi mestieri e scene di vita quotidiana. Qui potete trovare il programma della festa.

Dal 6 all’8 a Camaiore si svolgerà il Camaiore Climbing & Trekking Festival, un festival dedicato agli amanti del trekking, dell’arrampicata e dell’alpinismo. Molte le attività proposte: street boulder, trail running, percorsi di trekking, percorsi alpinistici.

Un’iniziativa che ci appare molto appassionate è S-passo al Museo, organizzata a Lucca volta ad avvicinare i giovanissimi tra gli 8 e i 10 anni ai musei del territorio, e avete figli o nipoti di quell’età non esitate a controllare il programma.

Cosa fare a settembre in Provincia di Livorno

Dal 14 settembre nell’Arcipelago Toscano riprenderà il Tuscany Walking Festival: tante escursioni per scoprire al meglio le isole toscane come quella che si terrà il . Per consultare il programma completo clicca qui.

Presso il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno  è possibile avvicinarsi alle popolazioni nomadi, senza andare lontano. Com’è possibile? Visitando la mostra Giordania: un deserto tra due continenti in cui si espongono le ricerche frutto di più di 40 anni di studi sui pastori nomadi del Vicino Oriente.

In occasione della 3° edizione della Giornata Nazionale dei piccoli musei, il 29 settembre, anche il museo Archivio Carficciano darà in dono una stampa autografa della poesia “San Martino”.

Cosa fare a settembre in Provincia di Prato

Continuano per tutto il mese di settembre 2019 le “Passeggiate tra storia e natura” del Circolo “I Risorti”, la partecipazione è gratuita. Si inizia il 1 con una passeggiata pomeridiana lungo il pedecollinare da Pizzidimonte a Sant’Anna in GIolica per arrivare in Piazza Mercatale ed al Bastione delle Forche, il 22 è stata organizzata una giornata tra le colline di Fauglia e la Lorenzana; tra ville e panorami stupendi con visita al caseificio Famiglia Busti, mentre il 29 ci sarà la camminata di una giornata sulle apuane con visita al Museo Fantiscritti, situato in uno scenico panorama immerso nel bianco del marmo.Per maggiori info clicca qui.

Al Centro Pecci sarà allestita fino al 15 settembre una singolare mostra Wiltshire Before Christ, un progetto artistico, fotografico e di moda, realizzato dall’artista Jeremy Deller, dal marchio di streetwear Aries e dal fotografo di moda David Sims e caratterizzato dalla rivisitazione del famosissimo sito archeologico Stonehenge riprendendo il suo significato mistico e avvicinandolo alla pop culture.

Cosa fare a settembre in Provincia di Siena

Il 14 e 15 settembre tornerà la “Vecchia Fattoria”, il villaggio contadino dedicato ai più piccoli nella Fortezza Medicea di Siena.

Dal 27 al 29 torna a Monteriggioni il Monteriggioni Walks & Talks, dedicato al cammino, ai xcammini in generale e alla scoperta di alcuni tratti della Francigena. Moltissimi gli eventi programmati: Spettacoli, incontri, escursioni, arte e molto altro.

Cosa fare a settembre in Provincia di Arezzo

Il 1 del mese nel capoluogo si terra l’antico gioco cavalleresco di cui parla anche Dante nel XXII canto dell’Inferno: la Giostra del Saracino, medievale esercizio di addestramento militare che affonda le sue radici nel periodo delle Crociate. Per questa domenica Piazza Vasari si adorna del ritmico suono dei tamburi di guerra, dei cavalli e dei canti.

Il 1° settembre torna l’annuale edizione diurna della Giostra del Saracino per le strade di Arezzo. la rievocazione storica è la più importante della città e oltre al torneo cavalleresco vede coinvolti centinaia di figuranti in costume che sfilano accompagnati da musici.

Continuano nel mese di settembre e feste paesane a Ponte Buriano dove si tiene la rievocazione storica dell’antica battitura del grano il 1° settembre e a Monte Sopra Rondine dove si tiene  l’Antica festa del tegame il 1° settembre e dal 5 all’8 settembre.

Cosa fare a settembre in Provincia di Grosseto

Fino al 3 novembre 2019 presso il Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi, si tiene la mostra “Alalìa. La battaglia che ha cambiato la storia. Greci, Etruschi e Cartaginesi nel Mediterraneo del VI secolo a.C.” la mostra si incentra sulla battaglia navale del 540 a.C. tra Focei di Alalìe (Corsica) da una parte ed Etruschi e Cartaginesi dall’altra.

Tutti i giorni (escluso il lunedì) fino al 15 Settembre  alle ore 17, 18 e 19 una Guida Ambientale esperta vi farà scoprire i paesaggi più autentici della Diaccia Botrona con escursioni gratuite a piedi e in barchino. Ricordatevi di prenotare!

Precedente Il Parco Zoo Falconara Successivo Le oasi di montagna: Chebika, Tamerza e Mides

Lascia un commento