Cosa fare a gennaio 2020 in Toscana

Cosa fare a gennaio in Provincia di Massa Carrara

Fino al 10 giugno 2020 il CARMI, Museo Carrara e Michelangelo che ha sede a Villa Fabbricotti presenta “Canova – Il viaggio a Carrara”. La mostra è dedicata al rapporto tra Canova, artista simbolo del Neoclassicismo e Carrara, la capitale internazionale del marmo. Per maggiori informazioni cliccate qui.

A Equi Terme il 6 gennaio torna il presepe vivente in grotta, con l’arrivo dei Re Magi. Non mancherà una Befana un po’ speciale che si esibirà in numerose e ardite acrobazie volanti!

Cosa fare a gennaio in Provincia di Pisa

.Continua per tutto il mese di gennaio la mostra Futurismo allestita presso Palazzo Blu a Pisa organizzata dalla Fondazione Palazzo Blu in collaborazione con MondoMostre e curata da Ada Masoero. La mostra è patrocinata della Regione Toscana e del Comune di Pisa e raccoglie più di 100 opere dei più grandi maestri futuristi. La mostra è aperta tutti i giorni e nell’ingresso è compresa l’audioguida. Potete trovare maggiori informazioni qui.

Il 5 gennaio a San Giovanni alla Vena vi aspetta la tradizionale festa della Befana con i Befanotti, in piazza saranno organizzati numerosi giochi e canti in attesa dell’arrivo della Befana e dei Befanotti. Durante la festa saranno raccolti fondi a favore degli abitanti del Monte Serra duramente colpiti qualche mese fa dall’incendio che ha devastato il monte pisano.

Fino al 7 gennaio sarà visitabile come ogni anno il presepe artistico di Cigoli che vi permetterà di vivere un’atmosfera natalizia portandovi a Gerusalemme qualche migliaio di anni fa.

Il 5 e il 19 gennaio il WWF Alta Toscana organizza visite guidate al bosco di Cornacchiaia, è necessaria la prenotazioni, per maggiori informazioni cliccate qui.

Il 6 gennaio a Peccioli torna la sesta edizione di 11 Lune d’inverno spettacoli di strada, laboratori, attività ludico didattiche all’interno dei Musei, letture animate alla Mediateca Comunale, un mercatino artigianale, letture, racconti e merende nelle varie attività commerciali, per il programma completo clicca qui.

Cosa fare a gennaio in Provincia di Firenze

Fino al 6 gennaio passeggiando per le vie del borgo di Palazzuolo si potranno osservare presepi e natività allestite in piazze, vetrine, anfratti e giardini, in occasione de 100 Presepi per Palazzuolo, giunta alla sua tredicesima edizione. Gli intervenuti potranno poi esprimere il loro voto usando apposite schede. Aperto anche in caso di neve. Il 26 dicembre la manifestazione sarà arricchita da un presepe vivente.

Sempre il giorno dell’Epifania a  Firenze si rinnova una tradizione che sembra aver avuto origine nel XV secolo: la Cavalcata dei Re Magi, una rievocazione storica in cui i Re Magi a cavallo accompagnati da numerosi figuranti sfilano da palazzo Pitti (ore 14.00)  fino al Duomo, dove si trova il presepe vivente, passando per piazza della Signoria. Alle 15.30 in piazza Duomo ci sarà lo scoppio della colubrina.

Cosa fare a gennaio in Provincia di Pistoia

Appassionati di scienze aprite bene gli orecchi! A Pistoia si terrà un ciclo di incontri introduttivi sulla scienza a cura dell’associazione culturale Asteria presso la Sala Bigongiari. Gli incontri nel mese di gennaio si terranno nelle seguenti date: sabato 11  sul tema “Com’è fatto il mondo che ci circonda” con Massimo D’Ottavio (Chimica) e sabato 25 sul tema “La struttura della vita”, con Massimo Paudice (Biologia).

Cosa fare a gennaio in Provincia di Lucca

Il 5 e il 6 gennaio a Pegana (leggete il nostro post sul la casa della Befana) e a Barga si festeggerà la Befana con musica, balli, giochi e piccoli doni…non dimenticatevi di assaggiare i gustosi befanini.

Cosa fare a gennaio in Provincia di Livorno

Chi di voi se la sente di iniziare il nuovo anno con un tuffo nel mare? A Livorno come tutti gli anni si terrà il consueto bagno di Capodanno alle 12 con ritrovo alla Rotonda di Ardenza.

Per celebrare il centenario della morte del pittore Modigliani al Museo della Città è visitabile fino al 26 febbraio la mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse”. L’esposizione è  curata da Marc Restellini con il coordinamento di Sergio Risaliti e accoglie 14 dipinti e 12 disegni di Modigliani raramente esposti al pubblico, appartenuti ai collezionisti più importanti di Modigliani: Paul Alexandre e Jonas Netter.

Anche a Livorno fino al 6 gennaio vi aspetta il Villaggio di Babbo Natale durante il fine settimana presso l’Ippodromo Caprilli. Per maggiori informazioni cliccate qui.

 

Cosa fare a gennaio in Provincia di Siena

Fino al 26 gennaio al Santa Maria della Scala, a Siena è allestita la mostra Tex. 70 anni di un mito. Curata da Gianni Bono, in collaborazione con la redazione di Sergio Bonelli Editore e COMICON, per celebrare l’apprezzato fumetto che h tenuto compagnia a generazioni di giovani. Per maggiori informazioni cliccate qui.

Il 6 gennaio arriva la Befana anche a Siena con tanto di giochi per bambini. Nello stesso giorno a Sovicille con il presepe vivente arriveranno i Re Magi per portare i loro omaggi al bambin Gesù.

Mentre il 19 gennaio nella bellissima piazza del Mercato si terrà il mercatino del collezionismo e dell’antiquariato con oggetti anche di artigianato locale, a Monteriggioni gli appassionati della corsa Sulle orme di Sigerico , la 10° Eco Mezza Maratona sulla via della Francigena con passeggiate, nordic walking e corsa campestre.

Cosa fare a gennaio in Provincia di Arezzo

Fino al 12 gennaio 2020 ad Arezzo è allestita la mostra “Incanti. Episodi della pittura europea al tempo delle avanguardie” grazie alla Fondazione Ivan Bruschi, amministrata da UBI Banca, saranno visibili opere di Henri Rousseau il Doganiere, Gino Severini, René Magritte e Alberto Savinio.

Cosa fare a gennaio in Provincia di Grosseto

A Grosseto, Roselle ed Alberese fino al 2 febbraio 2020 si tiene la mostra “Oltre il duomo. Il pozzo del vano ipogeo e le sue ricchezze” una mostra per diffondere le conoscenze ottenute a seguito degli scavi compiuti sotto la cattedrale della città di Grosseto. La mostra è allestita tra il Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, la Cattedrale, il Vano ipogeo, la via dei pozzi e delle cisterne, il Museo di Storia Naturale della Maremma, MuseoLab, il Giardino dell’Archeologia, l’Area Archeologica di Roselle, il Centro visite del parco della Maremma e l’Abbazia di San Rabano.

Voglia di avventura? Il giorno della befana alle ore 11 è prevista una discesa di rafting sul tratto del fiume Ombrone, compreso tra Sasso d’Ombrone e Paganico, per informazioni e prenotazioni tel. 3402600957 [email protected] .

Il 18 gennaio è prevista un’interessante escursione: la traversata dall’Abbazia di San Rabano fino a Marina di Alberese, un percorso di 16 km. Per informazioni e prenotazioni [email protected] tel. 327 4570748.

Precedente Cosa fare a dicembre 2019 in Toscana Successivo Il Sentiero delle Sorgenti e il bosco incantato

Lascia un commento