Barga, la città più scozzese d’Italia

Il fascino della Toscana è nei paesaggi incantati, nei piaceri della tavola e nella scoperta delle belle città d’arte e dei piccoli borghi, dove sembra ancora di sentir fluire la storia di questa terra. Oggi vi vogliamo consigliare di visitare un paese che grazie al suo valore culturale, storico ed estetico è stato inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia ed è stato insignito di numerosi riconoscimenti quali la bandiera arancione del Touring Club e  il titolo di città slow: Barga.

Barga è uno dei centri più noti della Garfagnana e se state progettando una vacanza nella regione vi raccomandiamo di non tralasciare di visitare questo vivace borgo di origine medievale: con le abitazioni costruite con una pietra dal colore grigio scuro, le mura medievali ancora in piedi, pregiati e decorati palazzi nobiliari (come Palazzo Balduini, Palazzo Angeli, Palazzo Podestà…) e una delle più belle chiese romaniche dell’intera Toscana, il Duomo o Collegiata di San Cristoforo, edificato in posizione dominante, da cui si gode anche di un ottimo panorama.Barga, la città più scozzese d’Italia

Avventurarsi tra le carraie, piccoli vicoli gradinati, consente di scoprire angoli e scorci caratteristici e indimenticabili, in inverno e in autunno l’odore dei camini accesi si diffonde nell’aria mentre in estate l’ombra degli edifici offre refrigerio dal caldo.

Barga è conosciuta come la città più scozzese d’Italia perchè molti abitanti nel XX secolo emigrarono in Scozia e dopo aver fatto fortuna tornarono nella loro terra natia, portando usanze e tradizioni d’oltremanica. A testimonianza di ciò sono numerose le manifestazione in stile scozzese che si tengono nella cittadina e non è raro sentire il suono delle cornamuse e vedere qualche kilt rosso e verde.

La città fu scelta da Giovanni Pascoli come luogo di residenza e così a Castelvecchio di Barga è possibile visitarne l’abitazione, con le stanze ancora arredate e disposte come volle il celebre poeta italiano. A Barga si trova invece il Teatro dei Differenti, dove Pascoli pronunciò il suo discorso a favore dell’intervento nella guerra in Libia.Barga, la città più scozzese d’Italia

La vivacità culturale della città si traduce in molteplici manifestazioni come il Barga Jazz Festival che si tiene ogni anno nel mese di agosto, il mercatino dell’antiquariato, la sagra della castagna e molte altri eventi.

Se visitate Barga in compagnia di bambini non dimenticatevi di fare una visita alla Casa della Befana che si trova a Pegnana a ad una ventina di minuti dal paese di Barga.

LEGGI ANCHE: CASTELLO DELLA PIETRA

Dove mangiare a Barga

Barga è famosa anche per le sue delizie gastronomiche: trote, funghi, castagne e zuppe. Visitandola vi accorgerete che i ristornati non mancano e sarete attirati verso i loro ingressi dalle scie di profumini invitanti che si dipanano per le viuzze e le piazze. Noi ci sentiamo però di raccomandarvene uno decisamente particolare: Da Aristo, con un proprietario eccentrico e un menu che cambia quasi di settimana in settimana che sicuramente non vi deluderà.Barga, la città più scozzese d’Italia

Barga con i bambini

Avete mai visto la casa della Befana? Se siete a Barga siete fortunati perché a meno di 10 minuti da questo bel borgo si trova proprio la casa della simpatica vecchietta. I bambini non potranno resistere al fascino esercitato da questo luogo e alla simpatia e alla gentilezza della Befana. Per maggiori informazioni cliccate qui.Barga, la città più scozzese d’Italia

Come arrivare a Barga

Barga può essere raggiunta con il treno, scendendo alla stazione Barga-Gallicano che si trova sulla ferrovia Lucca-Aulla (collegata anche con Pisa, maggiori info qui), in autobus (da Lucca, per maggiori info qui) o in automobile (in questo caso dovete sempre arrivare a Borgo a Mozzano, dove si trova lo splendido Ponte del Diavolo, e poi seguite per Fornaci di Barga e quindi Barga, SS445).

 

Barga, la città più scozzese d’Italia Barga, la città più scozzese d’Italia Barga, la città più scozzese d’Italia Barga, la città più scozzese d’Italia

Precedente Amber Fort Successivo Itinerario di una settimana da Marrakech al deserto

Lascia un commento