Un giorno a Bergamo

Fino a dicembre 2016 non avevamo mai pensato di visitare Bergamo nelle nostre teste infatti il nome della città era associato più che altro alle industrie. Grazie a regalo i nostri genitori che avevano già avuto modo di visitarla invece abbiamo scoperto che è una cittadina graziosa e piena di storia

LEGGI ANCHE: WEEKEND TRA BERGAMO E IL LAGO D’ISEO
Avendo solo un giorno a disposizione le nostre attenzioni si sono concentrate su Bergamo Alta dove si concentra la maggior parte dei monumenti della città. Alloggiando a poca distanza dal centro (B&B Alisee) siamo entrati a Bergamo dalla bella e meno frequentata Porta San Lorenzo, arrivando da via Maironi Giovanni da Ponte, panoramica strada sopraelevata che ci ha dato un colpo d’occhio inconsueto sulla città. Addentrandoci nei vicoli medievali siamo pian piano arrivati alla Piazza Vecchia con i suoi bellissimi monumenti tra cui il Palazzo del Podestà, il Campanone o Torre Civica, la Basilica di Santa Maria Maggiore, la Cappella Colleoni, Palazzo della Ragione.

Elegante e viva Bergamo ci ha suscitato subito un’ottima impressione. Le strade sono costeggiate da palazzi medievali, le botteghe hanno insegne che ci riportano agli inizi del secolo scorso, i bar e i ristoranti consentono fermate in punti panoramici.

Essenziale per capire meglio la città è una visita al Museo Storico dell’Età Veneta, un museo interattivo all’interno del Palazzo del Podestà il biglietto (5 euro) comprende anche la visita al Campanone da cui si gode una splendida vista su Bergamo Alta, sulla campania e sulle montagne circostanti. Dopo aver gironzolato per il centro (purtroppo non abbiamo potuto visitare la Torre del Gombito poichè aperta solo su prenotazione in alcuni giorni), ci siamo diretti vero le imponenti mura con cui avevamo letto solo Lucca può rivaleggiare. Ripide e in alcuni tratti vivibili grazie a dei giardini le mura sono molto belle.

LEGGI ANCHE: TUSCIA EXPLORER, TRE GIORNI ALLA SCOPERTA DELLA TUSCIA

Non meravigliatevi se sui palazzi e sulle forze vedrete il Leone di San Marco, Bergamo fu infatti per lungo tempo possedimento veneziano.

Una delusione invece è stata la Cannoniera San Giovanni. Mentre la Cannoniera San Michele seppure fosse scritto ovunque che era aperta, era chiusa. Non perdetevi Porta San Giacomo e la Piazza Nuova.

NELLE VICINANZE SI TROVA: IL VILLAGGIO INDUSTRIALE PATRIMONIO DELL’UMANITÀ DI CRESPI D’ADDA

Dove dormire a Bergamo

Noi abbiamo dormito presto il B&B Alisee a Bergamo Bassa vicinissimo però alla città alta. La proprietaria è gentilissima e disponibilissima. La colazione è buona e abbondante, le camere belle, pulite e spaziose. Nel giardino ci sono anche i vari tipi di giochi per i bambini. Noi ci siamo trovati benissimo per questo la raccomandiamo.



I commenti sono chiusi.