Tour tra colline, cantine e vino

Tour tra colline, cantine e vino, Azienda Agricola CastelvecchioLa scorsa domenica la pioggia improvvisa ha rovinato i nostri piani di andare alla scoperta di qualche luogo sperduto; fortunatamente però un nostro amico ci ha ricordato che in tutta Italia si teneva la manifestazione Cantine Aperte, organizzato dal Movimento Turismo del Vino, grazie alla quale è possibile accedere direttamente alle cantine vinicole, scoprire i segreti della vinificazione e assaggiare i prodotti finali. Spesso si rivela anche un’occasione per scoprire splendide tenute e ville, normalmente non accessibili, situate sulle colline toscane.
Siamo così partiti alla volta dell’Azienda Agricola di Castelvecchio di Terricciola e nei pressi della tenuta Badia di Morrona, che abbiamo visitato in occasione della giornata nazionale dell’ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane). Tour tra colline, cantine e vino, Azienda Agricola CastelvecchioLa gentilissima e simpatica proprietaria ci ha accolto guidandoci nella cantina e spiegandoci le loro tecniche di vinificazione, volte al recupero della tradizione e al biologico, i vini prodotti dal 2016  hanno infatti la certificazione Bio. Dopo il giro panoramico abbiamo avuto il piacere di gustare alcuni vini prodotti: Le Balze, un’ottimo Terre di Pisa rosso DOC, Il Picchio, squisito bianco di Toscana IGT e  il gustoso Armida, un vin santo, il tutto accompagnato da bruschettine condite con il loro olio. Se non avremmo voluto visitare almeno un’altra cantina saremmo rimasti volentieri continuato la degustazione con Le colline, Terre di Pisa Sangiovese DOC e Il Tocco, un rosato toscano IGT. L’amore per la terra, per la tradizione, per la natura, la passione si sentono nel sapore dei questi vini e trapelano anche dalla cantina stessa che ha sede in un’edificio costruito interamente dai proprietari secondo lo stile tradizionale toscano ed è arredato con materiali di recupero o costruiti fai-da-te. Le degustazioni possono essere fatte tutto l’anno.

Guidando tra le colline scendiamo poi verso Montopoli dove si trova la fattoria Varramista, importante villa nata nel XV secolo, che non avevamo mai visitato prima.Tour tra colline, cantine e vino, Tenuta Varramista La storia di Varramista è dunque antica e si intreccia con la storia della Toscana e quella Italiana, fu infatti donata a Gino di Neri Caponi dalla Repubblica Fiorentina come premio per aver sconfitto la città di Pisa nel 1406.  Nel 1800 ospitò anche Alessandro Manzoni e negli anni ’50 del XX secolo divenne proprietà della famiglia Agnelli, che è l’attuale proprietaria. Il nucleo centrale della tenuta è costituito dalla villa tardo rinascimentale, dall’elegante giardino all’italiana e dai vigneti a Sangiovese e Syrah.

Il lungo viale costeggiato dai cipressi ci conduce fino alla collinetta su cui si trova la villa. La tenuta, per l’occasione, può essere esplorata da soli oppure seguendo una visita guidata che parte ogni mezzora e che illustra la vinificazione, la cantina e la storia della villa. Al termine del tour si è condotti in una stanza dove si è guidati nella degustazione di tre vini uguali, ma di annate diverse. È poi possibile continuare la degustazione ai due banchi dislocati in altre stanze (vari tipi di degustazioni e di tour della villa sono disponibili tutto l’anno su prenotazione).

Quando ormai veniamo via è troppo tardi per visitare un’altra cantina, ma siamo felici di aver trascorso questa giornata diversa dal solito, alla scoperta dei prodotti della nostra terra e di coloro che li producono.

Tour tra colline, cantine e vino, Azienda Agricola Castelvecchio

 

 

Precedente 8 spiagge imperdibili in Toscana Successivo La villa abbandonata di Mirabella

Lascia un commento

*