L’Eremo degli orsi, il Santuario di San Romedio

Santuario di San RomedioIl Santuario di San Romedio è sicuramente uno dei più particolari e suggestivi dell’Europa cristiana: la sua struttura, simile ad un torrione un po’ storto , si erge su uno sperone roccioso al termine di un meraviglioso canyon. Ad incrementare la suggestione e il fascino dell’eremo, oltre allo stile gotico, contribuisce anche la presenza di un orso. No, non stiamo scherzando. Ma procediamo con calma.

Il Santuario di San Romedio, circondato da splendidi boschi, è composto da ben cinque chiesette sovrapposte, costruite nell’arco di circa novecento anni a cui si accede tramite una bella scalinata. La più antica di esse è quella posta in alto, scavata nella rupe rocciosa proprio dove si trovava l’eremo di San Romedio e la sua tomba.

LEGGI ANCHE: TRENTINO, WEEKEND TRA EREMI E CASTELLI

Alcuni affreschi raccontano alcuni episodi della vita del Santo, fra cui anche l’episodio dell’orso. Si racconta infatti che un giorno, mentre Romedio si stava recando a Trento per salutare il vescovo Vigilio, chiese ad un suo compagno, Davide, di sellargli il cavallo. Santuario di San RomedioUn orso però stava sbranando il cavallo del Santo e Davide tornò indietro a riferire la notizia. Romedio non si fece intimorire e ordinò di sellargli l’orso che a quel punto si fece docile e mansueto, tanto da condurlo fino a Trento. È proprio per questo motivo che il Santuario è conosciuto anche come l’eremo degli orsi, tanto più che oggi l’area faunistica a fianco del Santuario ospita un orso bruno abruzzese. Questa tradizione di ospitare orsi che altrimenti avrebbero fatto una fine ben peggiore risale al 1958. Purtroppo non siamo riusciti a vederlo, la visita è stata comunque molto suggestiva ed intrigante, sia per gli affreschi che si possono ammirare all’interno delle chiesette sia per la collocazione scenografica dell’eremo che dona scorci indimenticabili.

LEGGI ANCHE: LA SCIENZA A PORTATA DI MANO, TUTTI AL MUSE!

Come arrivare al Santuario di San Romedio

Il Santuario si trova nei pressi di Sanzeno (TN) in Trentino Alto Adige. È facilmente raggiungibile in automobile seguendo la strada asfaltata che parte sulla destra rispetto alla piazza del paese.

Santuario di San Romedio

La strada è molto bella e amata dai motociclisti. Il parcheggio si trova ai piedi del santuario, che poi andrà raggiunto a piedi. In estate si può anche usufruire di un servizio navetta che collega il centro di Sanzeno con il santuario.

Si può arrivare al Santuario di san Romedio anche a piedi. Dal Museo Retico, molto interessante e che vi consigliamo di visitare, parte un suggestivo percorso in parte scavato nella roccia. Il tempo di percorrenza è di circa 45 minuti. Purtroppo in inverno e in caso di freddo o neve questo sentiero è chiuso, vi conviene informarvi comunque presso l’Ufficio del Turismo.

Un altro modo per arrivare a piedi è attraversando i boschi partendo da Don, da Coredo o da Salter. Noi siamo partiti da Coredo, costeggiando i laghi di Coredo e Tavon. L’andata dopo il primo tratto è quasi tutta in discesa.

per maggiori informazioni sui sentieri vi consigliamo questa pagina.

Orario di visita del Santuario di San Romedio

Il Santuario è aperto tutto l’anno. Da ottobre ad aprile con orario 9.00 -17.30. Nel mese di maggio, giugno, e settembre con orario 9.00 —18.00. A luglio e ad agosto con orario 8.30 —19.00.

L’ingresso è gratuito.

 

Precedente Chichén Itzá: una delle sette meraviglie del mondo moderno Successivo La Cascata dello Sterza e la Foresta di Caselli

Lascia un commento

*