Rocca Cerbaia

Rocca CerbaiaMenzionata da Dante nella Divina Commedia, e collocata in una posizione strategica, Rocca Cerbaia è ideale per una bella passeggiata nella natura e nella storia.

In provincia di Prato, nei pressi di Carmignanello (vicino a Vaiano) si trova Rocca Cerbaia, costruita intorno al XII secolo su uno sperone roccioso che domina il corso del fiume Bisenzio, per controllare la strada della Lombardia, la strada transappenninica che collegava Firenze alle regioni del nord.

Abbiamo scoperto l’esistenza di questa bella rocca, grazie alla gentilissima segnalazione di una nostra lettrice.

La Rocca si trova in corrispondenza di un bel ponte medievale che deve essere attraversato per arrivare sull’altra sponda del fiume.Rocca Cerbaia, il ponte

LEGGI ANCHE: UN CASTELLO NORMANNO IN TOSCANA

LA VISITA A ROCCA CERBAIA

La Rocca della Cerbaia è stata sottoposta ad un intervento di restauro: il comune di Cantagallo ha infatti acquistato la rocca e finanziato gli interventi, attualmente terminati. Purtroppo però ancora niente è stato fatto per la sua valorizzazione.

Per accedervi non si passa più da quella che era la porta della prima cerchia muraria, di cui oggi rimane sopo un arco e qualche rudere delle mura.Rocca Cerbaia

FORSE PUÒ INTERESSARTI ANCHE: I CASTELLI PIÙ BELLI DELLA TOSCANA

L’alto mastio è racchiuso all’interno di due possenti cerchie murarie, una delle quali è stata parzialmente ricostruita ed ha un andamento semicircolare. Il sentiero ci porta fin sotto l’entrata del mastio. Si nota subito che non è una Rocca come le altre, essa fu infatti scelta come residenza dai Conti Alberti, per un certo periodo. dante Alighieri nel XXXII canto dell’inferno nomina proprio di figli del conte Alberto degli Alberti: Napoleone e Alessandro Alberti, proprietari della Rocca.

La leggenda, priva di fondamento, vuole che Dante Alighieri in una notte tempestosa avesse bussato alla porta della Rocca in cerca di ospitalità, durante il suo cammino verso Bologna. La rischiesta di asilo fu però negata e l’infreddolito poeta dovette passare la notte in una capanna di pastori, identificata con l’edificio a i piedi della Rocca.

All’interno si trova anche un argano ricostruito, le cui traccie sono state rinvenute durante gli scavi archeologici che hanno portato alla luce anche altre testimoniante della vita quotidiana in questo castello. L’argano era servito per erigere il palazzo.Rocca Cerbaia

L’interno è molto bello, purtroppo però non c’è modo di accedere all’interno del Mastio.

Nei pressi della prima cinta muraria sono visibili i resti una cisterna ancora intonacata, i ruderi del così detto “Palazzo Nuovo” e quelli di una chiesa.

La visita è molto interessante e affascinate, anche perchè la Rocca è stata ben restaurata.

COME ARRIVARE A ROCCA CERBAIARocca Cerbaia

Noi abbiamo parcheggiato l’auto in uno slargo lungo la strada poco prima del ponte, ma abbiamo poi scoperto che è possibile parcheggiare l’auto nel parcheggio di Carmignanello e da lì seguire un percorso pedonale che conduce al ponte. Dal ponte poi si deve seguire il sentiero n° 48 del CAI-Prato, che si arrampica sullo sperone roccioso fino a giungere ai piedi della Rocca. Il sentiero è breve, ma tutto in salita.

Rocca Cerbaia, il panoramaRocca Cerbaia Rocca Cerbaia
Rocca Cerbaia

Precedente La città santa degli Indù: Pushkar Successivo Sulle tracce della Linea Gotica: Forte Bastione