Quello che non vi dicono su Sintra

Una delle attrazioni portoghesi che da qualche anno è stata posta all’attenzione del grande pubblico è Sintrasicuramente Sintra: un insediamento fondato dagli arabi, divenuto poi meta di artisti e scrittori.

L’immagine più nota del sito è la bella e colorata vista sul Palácio Nacional da Pena, donato nel 1840 a Ferdinando II da sua consorte. L’architettura del palazzo racchiude elementi arabi, manueliani, gotici, barocchi e rinascimentali. Sintra è oggi nota per i suoi spettacolari palazzi e le sue ville fiabesche.
Altre attrazioni sono il Castelo dos Mouros, da cui è possibile arrivare a piedi al Palàcio Nacional de Pena, il Palácio Nacional de Sintra, l’unico palazzo che si trova in centro e la bellissima Quinta da Regaleira. Tutti gli edifici sopra menzionati sono stati dichiarati a ragione Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

FORSE PUO’ INTERESSARTI ANCHE: LISBONA IN TRE GIORNI

Il verde della vegetazione avvolge le abitazioni e crea dei percorsi piacevoli in cui camminare. Fino a qui sembrerebbe tutto perfetto: palazzi sontuosi e boschi incantati, come non farvi tappa?

Il problema è che appena giunti a Sintra si capisce subito che se non si è disposti a investire una bella sommetta per questa “gita fuori porta”, non si riuscirà a vedere praticamente nulla. Tenete infatti presente che l’ingresso al Palácio Nacional de Sintra costa 9 euro (intero) il biglietto per l’accesso al Castelò dos Mouros 7 euro, Sintral’entrata al Palácio Nacional da Pena costa 12,50, compreso il parco 13,50 euro, la Quinta da Regaleira 6 euro. Tenete inoltre presente che se decidete di effettuare il percorso a piedi, vi prenderà molto tempo. Se non ne avete a disposizione dovrete prendere un autobus turistico che vi porterà di fronte ai palazzi (costo circa 5 euro a biglietto) oppure un taxi.

Con questo non vi vogliamo consigliare certo di non andare a Sintra, ma solo di mettere in conto di spendere un bel po’ di soldi, e se non ne avete intenzione, magari rimandare la visita ad un periodo economicamente più propizio.

Noi l’abbiamo visitata in agosto, abbiamo lasciato una Lisbona calda e soleggiata e ci siamo trovati in una giornata fredda e umida. Abbiamo fatto il percorso a piedi che unisce il centro di Sintra al Castelo dos Mouros e al Palácio Nacional da Pena, arrivati al palazzo abbiamo visto i prezzi e la fila ed abbiamo desistito. Sapevamo già che avremmo preferito visitare la Quinta da Regaleira, ma speravamo di poter vedere almeno qualcosa dalla strada, anche solo la colorata sagoma del palazzo, purtroppo l’ingresso è troppo lontano e non permette di vedere quasi nulla. Da lì a piedi siamo andati verso la Quinta da Regaleira che abbiamo visitato. Non dimenticatevi di pranzare in centro, altrimenti anche il pranzo sarà un salasso!Sintra

Sintra

 

Precedente Un ponte sospeso sul torrente Lima Successivo La truffa del ciabattino

Lascia un commento

*