Il piccolo bunker di Fornacette

Ormai lo sapete, siamo appassionati di bunker e di rifugi antiaerei, luoghi per eccellenza della memoria storica, luoghi in cui molte persone si sono trovate e ritrovate ed insieme hanno temuto e sperato, luoghi in cui si entrava appena si sentiva la sirena che indicava un imminente attacco aereo suonare ma da cui non si sapeva quando si sarebbe usciti.

Nell’ultimo anno ne abbiamo visti parecchi e di vario genere: dal Bunk’art di Tirana in Albania, al rifugio più esteso d’Europa di Campo Tizzoro (PT) all’incredibile Bunker di Soratte, il Bunker d’Italia. Non potevamo pertanto perderci un bunker costruito durante la Seconda Guerra Mondiale a circa 10 minuti da casa nostra!

LEGGI ANCHE: TOSCANA UNDERGROUND, COSA C’È SOTTO TERRA

Un piccolo rifugio visibile da fuori per le forme arrotondate di cemento grigio che risaltano sul verde del piccolo prato, composto da 3 vani, ognuno dei quali con una presa d’aria che al massimo poteva contenere 50-60 persone. Un rifugio che riesce a farci tremare al pensiero di che cosa si potesse provare lì dentro mentre fuori infuriavano i bombardamenti.

Il bunker fu costruito tra la fine del 1942 e i primi del 1943. Nacque per proteggere gli ufficiali che stanziavano nei terreni del Conte Orsini vicino all’attuale palazzo del Cottolengo pertanto le sue dimensioni sono molto ridotte. Proprio il fatto che fosse stato creato esclusivamente per uso militare fa sì che non ci siano documenti a riguardo e le poche notizie che si hanno sono dovute ai poche testimonianze orali. Dopo la dipartita dei soldati è stato usato dalla popolazione per trovare riparo dai bombardamenti aerei degli americani, ma poteva ospitare solo poche famiglie.

 

Come visitare il bunker di Fornacette

Il bunker di Fornacette si trova in piazza Bambini Caduti di Sarajevo a Fornacette nel comune di Calcinaia (P).

Le visite guidate sono gratuite (la durata si aggira attorno ai 10 minuti) ed è necessario contattare Massimo Pardossi presidente dell’associazione Aiuta Molunga al numero:

Precedente Dormire gratis? Sì, con la Settimana del Baratto Successivo Cosa fare ad ottobre in Toscana

Lascia un commento

*