Passeggiata tra i colori dell’autunno con gli asini nel castagneto

Scoprire i colori autunnali delle foglie, annusare gli odori del bosco, ammirare panorami mozzafiato in cui si vede in lontananza un camino acceso, camminare su una distesa di foglie di castagno e non solo e sentire il loro scricchiolio sotto i piedi, avvicinarsi agli asini, conoscerli e prendersi cura di loro: tutto questo è possibile vicino a Stia presso l’Asineria Gli amici dell’Asino.

Avevamo già avuto modo di stare a contatto con i ciuchini durante la passeggiata con l’asino Martino in val graziosa, animali che ci avevano affascinato, abbiamo pertanto deciso di fare un’altra esperienza che ci permettesse di scoprire anche una zona che poco conosciamo e ci siamo affidati all’Asineria Amici dell’Asino.

La professionalità di Marta e Fabio e il loro modo di trattare bambini, genitori e con i somari ci ha letteralmente conquistato. Tutti i bambini sono stati coinvolti, dai più piccoli, ai più estroversi, da quelli più timidi ai più irrequieti. Mentre aspettavamo i ritardatari i bambini hanno potuto accarezzare e spazzolare gli asini, per farsi conoscere e prendere confidenza con i ciuchini che ci avrebbero accompagnato.  La passeggiata nel castagneto è durata circa 1 ora ed i colori dell’autunno l’hanno resa davvero magica. I bambini a turno sono potuti salire a dorso di ciuchino (3 volte ciascuno, Adele è montata su Fabietto, Claretta, Tina) e mentre aspettavano il loro turno “guidavano” l’asino da terra. Una volta tornati all’Asineria i bambini hanno potuto spazzolare gli ormai loro amici somari. Una merenda ci aspettava un centinaio di metri sopra l’Asineria a base di caldarroste, vin brulé, caffè e noci insieme ad una bellissima vista sulle montagne circostanti. Alla fine i bambini hanno ricevuto la patentato di guida per l’asino!

 

Adele è rimasta molto soddisfatta e non ha mai avuto paura (pur essendo ben poco coraggiosa). Quando le hanno messo il “casco da principessa” come le ha detto Fabio e l’hanno fatta salire sull’unico asino maschio, Fabietto, il suo sorriso diceva tutto. Per non parlare dello sguardo di soddisfazione che aveva quando si è voltata verso di noi dopo che le avevano consegnato la licenza di guida asinina.

Il percorso è fattibile da bambini di diversa età (ce ne erano dai 2 anni ai 10), non consigliamo di portare il passeggino, meglio una comoda fascia, un marsupio o un comodo zaino da escursione.

È possibile fare un’escursione che prevede la raccolta delle castagne e che generalmente viene svolta la domenica. Per altre informazioni potete consultare il sito Gli amici dell’asino.

Cosa fare e cosa vedere nelle vicinanze

Nelle vicinanze molteplici sono le cose da fare e da vedere specialmente per gli amanti del trekking e delle passeggiate, come quello che porta alla cascata dell’Acquacheta. Potete visitare la piccola Stia e fermarvi a mangiare in uno degli ottimi ristoranti (noi ci siamo fermati L’Ospitale dei Brilli). Lì vicino è possibile fare un bagno nell’Arno o alla Grotta urlante. Molto carini sono anche il borgo di Loro Ciuffenna e il borgo abbandonato di Castelnuovo dei Sabbioni .

 

Precedente Un angolo di Tibet in Toscana: Merigar Successivo Da Veliko Tranovo a Plovdiv: una strada tra villaggi tradizionali e monumenti comunisti

Lascia un commento

*