Noi partiamo: e il gatto?

Noi partiamo: e il gatto? Viaggiare senza pensieri diventa quasi impossibile quando si ha uno o più animali domestici. Noi partiamo: e il gatto?Noi abbiamo una bella gatta e già dopo qualche mese ci siamo dovuti organizzare per lasciarla durante un nostro viaggio. Con il passare degli anni ci siamo organizzati sempre meglio: generalmente lasciamo la mia gatta a casa di mia sorella che ha un micio e loro, quando vanno in vacanza fanno altrettanto. Cerchiamo di farli vedere regolarmente, cosìcchè riescano a convivere pacificamente durante la convivenza forzata. Debbo dire che siamo riusciti pienamente nell’intento e i nostri gatti adorano passare del tempo insieme! Anzi forse la cosa ci è un po’ sfuggita di mano!

Gatti <3

Quando capita di partire insieme o nello stesso periodo lasciamo i gatti nella casa più ampia, copriamo con lenzuoli letti e divani, mettiamo in bagno due grandi lettiere (ed un fermaporte alla porta del bagno, non si sa mai!), lasciamo aperta la doccia e dentro vi mettiamo una bacinella di media grandezza con l’acqua. Riempiamo due o tre grandi ciottole di croccanti, una bella ciottola con l’acqua e spargiamo per casa qualche giochino, in particolare i topi di peluche Ikea, che adorano! Mettiamo poi in posti strategici un paio di copertine di pile (anche in estate) nel caso avessero voglia di coccole e una scatola di cartone dove possono giocare, oltre ad un bel tiragraffi. Incarichiamo poi genitori o suoceri di venire a controllare giornalmente i mici, di pulire la lettiera, cambiare l’acqua e dargli i croccanti, se hanno un po’ di tempo o devono fare qualche breve commissione nei dintorni l’ordine è quello di farli stare almeno una mezz’ora sul terrazzo. Qualche coccola, una spazzolatina e un po’ di cibo umido sono sempre garditi! Logicamente il fatto di stare insieme li aiuta a passare il tempo e a non soffrire di solitudine, pertanto consigliamo di prendere due gatti o di cercare un compagno di “villeggiatura” per il vostro peloso. Ovviamente la prima cosa che chiediamo quando sentiamo genitori e suoceri sono notizie dei miciotti!

la sempre utile copertina di pile

Per far abituare i due gatti a convivere noi abbiamo innanzitutto fatto lo scambio dei trasportini e di alcuni giochi, per farli familiarizzare con l’odore dell’altro e poi li abbiamo fatti incontrare in una casa in nostra presenza così pian pian è nata una bella amicizia che soddisfa sia noi che loro!

Noi partiamo: e il gatto?

Potete seguirci su facebook: https://www.facebook.com/irintronauti e su

twitter: https://twitter.com/irintronauti .

Precedente La Rocca dei Vescovi Successivo Benvenuti a Mostar

7 thoughts on “Noi partiamo: e il gatto?

  1. Anche noi abbiamo un’adorabile micetta, ed all’inizio avevamo molti sensi di colpa ad ogni partenza. Viaggiamo molto più sereni da quando abbiamo scoperto Airbnb: abbiamo inserito il nostro appartamento nel portale, e finora siamo sempre riusciti ad affittarlo nei giorni in cui siamo fuori città (a volte addirittura ci organizziamo di conseguenza, se riceviamo una prenotazione di un fine settimana ad esempio ne approfittiamo per una piccola fuga). In questo modo non solo ottimizziamo i costi, ma abbiamo anche la sicurezza di un po’ di compagnia per Coco.

  2. Bella questa cosa del far stare gatti insieme!!
    Io non ho animali, ma quando i miei partono mi semi-trasferisco da loro per accudire la mia vecchia cagnolina…è abituata a dormire in fondo al loro letto, guai se la porto da me, devo traslocare io, mica lei..ed ovviamente da sola di notte non ci vuole stare!!

  3. Poco prima di partire per 2 settimane in Corsica, riceviamo Amanda, la nostra gattina nera. Non abbiamo avuto il coraggio di “abbandonarla” subito dai miei genitori così ci siamo attrezzati e l’abbiamo portata in campeggio con noi! E’ stato uno spettacolo vederla gironzolare con la sua pettorina e la corda che le permetteva di esplorare un po’ di campeggio, salire sugli alberi e cacciare lucertole! La notte dormiva con noi in tenda, ma sempre con la possibilità di uscire fuori.
    Si può fare, se il carattere dell’animale lo permette. Amanda è una gatta tranquilla che si adatta facilmente, anche se ora che ha 2 anni (e ha sviluppato il suo bel caratterino!!!) preferiamo lasciarla dai “nonni” in campagna!

Lascia un commento

*