Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno

State cercando un modo diverso per passare un pomeriggio o una  mezza giornata a Livorno? Il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo potrebbe fare al caso vostro.
In una giornata di pioggia abbiamo scelto di visitare il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno, un luogo molto carino ed interessante per gli appassionati di zoologia, preistoria, geologia, scienze naturali e per i bambini.

LEGGI ANCHE: Il mausoleo abbandonato di Galeazzo Ciano

dove si trova il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo è collocato nella bella villa Henderson, e una delle cose che ci piaciuta di più è che è un luogo vivo e polivalente dove vi trovano spazio anche la biblioteca e una sala studio, è pertanto molto frequentato da ragazzi e giovani, pochi invece sono i turisti che abbiamo incontrato. Il giardino del museo è molto ampio ed è dotato di tavolini in cui è possibile fermarsi a mangiare se avete la fortuna di trovare una bella giornata.

le sale del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

La visita inizia dalla sala dell’uomo e uomo nel Mediterraneo dove si possono osservare crani fossili, alcuni diorami: australopitechi, oggetti che comunemente venivano utilizzati nella vita di tutti i giorni dagli uomini preistorici. La riproduzione di un cucciolo di mammuth all’ingresso della sala, lascia i bambini a bocca aperta. Molto bella la parte finale della sala in cui è ricostruita la grotta di Lascaux con la raffigurazione di alcune delle sue opere di arte parietale.Museo di Storia Naturale del Mediterraneo
Salendo al primo piano c’è la sala di  paleontologia dove si possono vedere i vari tipi di minerali minerali rocce e fossili vegetali, davvero interessanti con pannelli esplicativi completi. Al secondo piano si trova anche la sezione dedicata a “il volo in natura” in cui si analizza la fisica del volo, le piante e il volo è gli insetti e il volo.
Al terzo piano nella sala di anatomia comparata e zoologia dei vertebrati si vede il processo evolutivo compiuto dai pesci ai mammiferi: di sicuro di grande impatto per i bambini della scuola primaria. Vi sono molti diorami che hanno incantato Adele.

Uscendo nel giardino è possibile accedere alla bella mostra sui felini, alla sala esterna dedicata agli invertebrati sia marini sia terrestri, all’orto botanico molto carino ed interessante, in mezzo a una città come Livorno sembra di essere in un bosco tipico Mediterraneo, con una zona dedicata a molti bonsai più che decennali, una zona umida con un laghetto abitato da pesci e tartarughe (i bambini non vorranno più venire via!) e una zona dedicata alle pianti officinali. Una sezione molto piccolaè dedicata ad mini-zoo e ai terrari con alcuni serpenti e qualche piccolo pesce: l’odore non molto gradevole, e sinceremente è l’area del museo che ci ha lasciato più perplessi. Museo di Storia Naturale del Mediterraneo
Dal giardino è inoltre accessibile la bellissima Sala del Mare, la cui forma ricorda quella di una megattera. Qui è possibile vedere uno scheletro di una balenottera comune lungo 19,60 metri e molti altri cetacei ma anche alcuni reperti archeologici ritrovati in zona, come i due dolia recuperati casualmente nelle acque a sud dell’Isola di Gorgona a distanza di più di 20 anni, uno di 180 e uno di ben 190 metri.
È possibile scaricare gratuitamente l’audioguida in formato mp3 per poter avere informazioni sulle esposizioni.
Grandi e piccoli non possono che rimanere incantati da questa piccola perla che si trova nel cuore di Livorno.

LEGGI ANCHE: I siti archeologici più belli della Toscana

la mostra “felini l’eleganza letale” Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

La mostra sui Felini costituisce la parte più nuova del museo e rimarrà fino al 13 maggio 2018. Numerosi sono gli esemplari tassodermizzati presenti, ben 40: puma, tigri, leoni, ghepardi, leopardo nebuloso ecc., un vero spettacolo poter vedere tanti tipi di felini insieme. Una sezione è dedicata all’anatomia dei felini e all’etologia. È possibile inoltre ascoltere i diversi versi dei felini: i bambini non potranno che rimanere incantati ma anche un po’ impauriti.

Orario del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo è aperto il  mercoledì e il venerdi dalle 9 alle 13
la domenica dalle 15 alle 19, il martedi, giovedi e sabato dalle 9 alle 19. Il giorno di chiusura è il lunedì.

Potete trovare maggiori informazioni qui.

parcheggiare al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Il museo è facilmente accessibile in automobile nelle vicinanze Infatti ci sono vari parcheggi gratuiti o a pagamento.

In collaborazione con Museo di Storia Naturale del Mediterraneo.

Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Precedente I libri per viaggiare in Bulgaria Successivo Castello di Lusuolo

Lascia un commento

*