La spiaggia di Castel Sonnino: il molo che è diventata una piscina

La spiaggia di Castel SonninoSe cercate un luogo diverso dalle solite spiagge per passare una piacevole giornata al mare e una breve camminata in salita e in discesa non vi spaventa abbiamo il luogo che fa per voi.
Sotto il castello di Sydney Sonnino, di cui vi abbiamo parlato in un apposito post, c’è la piccola spiaggetta di sassi chiamata come l’omonimo castello, molto frequentata anche di notte dai giovani per passare un’allegra serata in compagnia.
La spiaggia di Castel Sonnino
Ciò che rende particolare questo posto, molto frequentato durante le belle giornate di sole, è il piccolo molo che crea una sorta di piccola piscina amata da piccoli e grandi. Il porticciolo di Castel Sonnino è di proprietà privata. La struttura del porticciolo è completamente abbandonata.

Come arrivare alla spiaggia di Castel Sonnino

Dopo Il ristorante Sasso Scritto, subito prima di Quercia ella c’è un sentiero che parte da una spaccatura nella rete metallica. 

La spiaggia di Castel Sonnino

Occorre seguire il sentiero per una decina di minuti (non è fattibile con passeggino e carrozzine). Si consiglia l’uso di scarpe comode e di scarpe da scoglio/sassi per fare il bagno. Portatevi dietro tutto ciò che vi occorre perché non ci sono bar.

la spiaggia di castel sonnino con bambini

La spiaggia di Castel Sonnino è accessibile ai bambini purché siate dotati di fasce, marsupi o zaini per i più piccoli.

LEGGI ANCHE: TULUM, SPIAGGE CARAIBICHE E ROVINE MAYA 

La spiaggia di Castel SonninoNon è possibile scendere con passeggini e carrozzine. L’accesso al mare è graduale ma i sassi non rendono agevole fare il bagno, consigliamo quindi l’uso di scarpe da scogli.

Si raccomanda sempre di non lasciare i rifiuti nei luoghi in cui visitate e di attenersi alle normali regole di buon comportamento.

La spiaggia di Castel SonninoLa spiaggia di Castel Sonnino

La spiaggia di Castel SonninoLa spiaggia di Castel Sonnino

 

 

Precedente Weekend in Romagna Successivo La Cascata di Civorio, l'Eden romagnolo

Lascia un commento

*