La Sinagoga di Firenze: tra elementi moreschi, arabi e bizantini

Uno degli edifici imperdibili di Firenze è senz’altro la splendida Sinagoga, il Tempio Maggiore Israelitico costruito alla fine del XIX secolo secondo lo stile eclettico tanto in voga in quel periodo storico.La Sinagoga di Firenze

Le radici della comunità ebraica fiorentina sono saldamente legate alla città tanto che già in epoca romana si può annoverare la loro presenza fuori dalle mura. Successivamente nel 1571 Cosimo I dette ordine di costruire un ghetto dove avrebbero dovuto risiedere tutti i giudei, la cui presenza era comunque sicuramente ben accetta. Il ghetto fu costruito nella zona del Mercato vecchio, nei pressi dell’attuale piazza della Repubblica. Con l’Unità d’Italia si ebbe l’emancipazione degli ebrei che poterono finalmente uscire dal ghetto. Fu così che dopo l’abbattimento della zona e della vecchia moschea che vi si trovava si iniziò a pensare a costruirne una nuova, anche grazie all’interessamento di David Levi che alla sua morte lasciò un importante lascito per il lavori a cui cooperarono artisti ebrei e cristiani.

LEGGI ANCHE: UN ANGOLO DI RUSSIA A FIRENZE, LA CHIESA RUSSO-ORTODOSSA

La nuova Sinagoga, inaugurata nel 1882 nel quartiere della Mattonaia, è una costruzione splendida e imponente. L’attenzione è catturata subito dallo stile arabo, moresco e bizantino, abbastanza inusuale per il capoluogo toscano. Ma la cosa ancor più sorprendente sono le ricche decorazioni all’interno, a cui si accede tramite un curato giardino ornato di melograni e magnolie. Un tripudio di colori, di forme geometriche, di panche, di candelabri avvolge il visitatore fin dal momento della sua entrata. Vi consigliamo di salire anche al piano superiore da cui si ha una vista ancor più mozzafiato sull’interno della Sinagoga.

LEGGI ANCHE: UN CASTELLO ARABESCO IN ITALIA, ROCCHETTA MATTEI

Compreso nel prezzo del biglietto c’è anche la vista al piccolo museo della comunità ebraica di Firenze, che vi aiuterà ad approfondire la sua conoscenza.

Il biglietto d’ingresso costa 6,50 euro e non è possibile portare le borse all’interno (ci sono degli appositi armadietti con la chiave). La Sinagoga è chiusa il sabato.

La Sinagoga si trova in via Luigi Carlo Farini, 6, 50121 Firenze.

Affianco alla Sinagoga si trova un Ristorante Kosher, dove vi potete fermare a pranzo se volete calarvi completamente nella cultura ebrea.
La Sinagoga di Firenze La Sinagoga di FirenzeLa Sinagoga di Firenze

 

Precedente Da Veliko Tranovo a Plovdiv: una strada tra villaggi tradizionali e monumenti comunisti Successivo La ex-base NATO sul Monte Giogo

Lascia un commento

*