La Miniera di Montecatini Val di Cecina

Ormai lo sapete a noi Rintronauti piace andare alla scoperta di luoghi nascosti e poco conosciuti, ci piace farci sorprendere dalla bellezza e dalla peculiarità dei così detti siti minori, quelli che non sono alla ribalta delle cronache, ma che con la loro calma e armonia riescono a svelarci i segreti di un territorio.Miniera di Montecatini Val di Cecina, paesaggio

Durante le nostre peregrinazioni siamo stati attirati dalla placida Montecatini Val di Cecina, nella campagna pisana dirimpetto a Volterra. Il suo aspetto medievale è reso ancora più affascinate dalla Torre dei Belforti, che svetta sulle altre costruzioni del paese ed è visibile da lontano. Oggi la torre è una residenza storica ed è possibile soggiornarvi.Miniera di Montecatini Val di Cecina, il simbolo della miniera

Oltre a strette viuzze e una piazza sulla quale concedersi qualche assaggio delle delizie culinarie locali a Montecatini Val di Cecina si può visitare la Miniera di Caporciano o Miniera di Montecatini Val di Cecina che si trova a circa un chilometro dal borgo.

I primi a sfruttare i giacimenti di rame del posto furono gli etruschi che scavavano dei pozzi dove la presenza del minerale era evidente. Dopo la caduta dell’Impero Romano lo sfruttamento di questi giacimenti si sospese fino a circa il 1433 quando si registra nuovamente la presenza di un edificio per la lavorazione e la fusione dei minerali. Dal 1827 la Miniera iniziò ad essere sfruttata in modo industriale e con alti e bassi crebbe fino a diventare nel XIX secolo la miniera di rame più grande d’Europa. La miniera ha infatti un intricato dedalo di gallerie che si estende per dieci livelli, molte delle quali però sono state ricoperte.

LEGGI ANCHE: TOSCANA UNDERGROUND, VISITA AL SOTTOSUOLO

Miniera di Montecatini Val di Cecina

La visita alla Miniera di Montecatini Val di Cecina comprende la discesa in un paio di cunicoli, non vi immaginate scivoli o trenini, nella miniera si scende a piedi, con la testa coperta da un caschetto e quando si passa dalle gallerie non i muratura si rimane in religioso silenzio, così come facevano veramente i minatori. si cammina in fila indiana, uno dietro l’altro, vedendo solo gli elmetti che oscillano nel buio. Un bel modo per entrare veramente a contatto con quella che doveva essere la quotidianità qua sotto.

Purtroppo non tutte le sue meraviglie sono ancora visitabili: nelle gallerie sottostanti si trova anche una piccola chiesetta costruita dai minatori in cui si praticava il culto di santa Barbara e che speriamo possa essere presto aggiunta al tour.Miniera di Montecatini Val di Cecina, Pozzo Alfredo

Oltre al tratto in miniera è possibile visitare le strutture superstiti al tempo e al passaggio della seconda guerra mondiale, tra cui il bel pozzo Alfredo, dove è possibile scegliere di far celebrare il proprio matrimonio.

Il valore aggiunto della Miniera di Montecatini Val di Cecina sono le guide, preparatissime e appassionate (un sincero ringraziamento a Michela e Lucia) che spiegano con trasporto, con dovizia di particolari e ricordi personali la storia della Miniera, il suo stretto legame con il territorio e con gli abitanti del posto, tanto che alla fine della visita già ci eravamo affezionati alle sue sorti.

NELLE VICINANZE: L’INESPUGNABILE ROCCA SILLANAMiniera di Montecatini Val di Cecina

È così che siamo venuti a sapere che le gallerie hanno dato rifugio agli abitanti di Montecatini in cerca di riparo durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale (per info guarda questo video) o che i bambini scendevano nel Pozzo Alfredo per dimostrare il loro coraggio, quando la miniera era ormai chiusa da anni (fu chiusa nel 1907), che i minatori lavoravano otto ore, quando in Italia ancora non si parlava di una simile eventualità o che i suoi lavoranti si costituirono in una cooperativa che gestì la miniera per un po’ di tempo.Miniera di Montecatini Val di Cecina

Ci auguriamo che il Comune continui la sua opera di interessamento e di finanziamento del recupero delle parti della miniera che ancora non sono state restaurate, la visita è estremamente interessante ed è un’ottimo modo per valorizzare la storia di un intero borgo e dei suoi abitanti.
È possibile dormire nei pressi della miniera nel B&B La Miniera, che si trova nel piccolo agglomerato formatosi nei pressi della miniera, dove si trovavano la Dispensa, gli uffici e le abitazioni dei dirigenti.Miniera di Montecatini Val di Cecina, la diga

Nelle vicinanze della miniera si trova una diga costruita per le esigenze della miniera e mai utilizzata. La diga è rientrata in un progetto di valorizzazione di sei dighe storiche d’Italia e quindi speriamo presto possa essere restaurata e valorizzata. Ad oggi è visitabile con una breve e piacevole passeggiata nella natura.

ORARI DI APERTURA MINIERA DI MONTECATINI VAL DI CECINA

Dal 25 aprile al 30 settembre dal giovedì alla domenica:Miniera di Montecatini Val di Cecina
10:00/13:00 – 15:00/19:00
Visite guidate con partenza:
10:00 – 11:30 – 15:00 – 16:30

Apertura notturna in periodo estivo ed in concomitanza di feste paesane:
Visite guidate: 21:00/24:00

Aperture straordinarie
Sabato, domenica e lunedì di Pasqua, 1° maggio, 2 giugno, 15 agosto, 8 dicembre (qualsiasi giorno feriale cadano):
10:00/13:00 – 15:00/19:00
Visite guidate sabato:
10:00 – 11:30 – 15:00 – 16:30 – 18:00Miniera di Montecatini Val di Cecina, torretta
Ulteriori aperture straordinarie nel periodo di Natale ed Epifania:
10:00/13:00 – 15:00/19:00
Visite guidate per il 26 dicembre, 1° e 6 gennaio:
10:00 – 11:30 – 15:00 – 16:30 – 18:00
Negli altri giorni è sempre possibile effettuare visite su prenotazione
Il biglietto costa 7 euro intero, 5 ridotto.
Miniera di Montecatini Val di Cecina, Pozzo Alfredo, interno

 

 

 

Precedente Il Mulinaccio Successivo Visitare Castel Sonnino