Il Fiume Corsalone

Il Corsalone è considerato a buon diritto uno dei fiumi migliori dove farsi un tuffo in Toscana. Durante la nostra visita nell’estate 2017 purtroppo era parecchio in secca e quindi era possibile fare il bagno soltanto nei pressi delle grandi pozze ai piedi di due cateratte in cemento.Il Fiume Corsalone

Entrambe le cateratte sul Corsalone sono facilmente raggiungibili: la prima è proprio accanto alla strada, la seconda è qualche km più avanti, un po’ più imboscata e meno frequentata.

Lungo il fiume, acqua permettendo, si può sostare per rilassarsi al fresco e farsi un bel pic-nic, nonostante non ci siano aree attrezzate.Il Fiume Corsalone

NELLE VICINANZE: STIA UN BAGNO NELL’ARNO

Non lo consigliamo particolarmente a chi ha bambini piccoli non tanto per la difficoltà di accesso quanto per le armature di ferro rugginoso che spuntano dalle ormai malmesse cateratte. Detto questo non intendiamo che sia particolarmente pericoloso ma che ci vuole una certa cautela.

Le acque del Corsalone sono limpide e fresche ma non gelide e (almeno io) le ho trovate molto piacevoli per trovare refrigerio dalla canicola estiva. Purtroppo a differenza di altri luoghi che abbiamo visitato non siamo in grado di consigliarvi altri punti dove fare il bagno se non quelli più frequentati e conosciuti.Il Fiume Corsalone

LEGGI ANCHE: La Slovenia più autentica: la Bela Krajina

Ai i più temerari inoltre sconsigliamo di fare tuffi troppo spericolati in quanto il fondo è irregolare e pieno di macigni sommersi ed è capitato che qualcuno si sia fatto parecchio male.Il Fiume Corsalone

Come arrivare al fiume Corsalone

Il Corsalone è un affluente dell’Arno e si trova nel comune di Bibbiena (AR) nel Casentino. Per raggiungere i due posti principali dove fare il bagno dovete raggiungere la frazione di Corsalone poco distante da Bibbiena: prendere via Europa e percorretela tutta fino in fondo al paese qui proseguendo sempre dritto entrerete in via Primo Maggio che costeggia il fiume, da qui, se la stagione è stata abbastanza piovosa comincerete a vedere le prime pozze e percorso poco più di un km vedrete alla vostra destra la prima cataratta con la bella pozza davanti. Per arrivare alla seconda Cataratta detta Ponte Rosso dovrete sempre proseguire sulla stessa strada, superata la frazioncina di Campi dove la strada diventa sterrata, proseguite 2,5 km e arriverete a una strada asfaltata (strada Provinciale 208 della Verna) qui SUBITO PRIMA della strada asfaltata svoltate a destra su l’altra strada sterrata e in due minuti siete al Ponte Rosso (comunque su google maps lo trovate).

 

Precedente Il fiume Cornia e il Pozzo della Serraiola Successivo Castel Thun, un palazzo d'epoca

Lascia un commento

*