L’antica Ferentum

La scorsa settimana alcuni nostri amici ci hanno chiesto consiglio su cosa visitare durante il loro week-end a Viterbo: la nostra risposta quasi simultanea è stata “Ferentum!”.

Ferentum

Ad appena 8 chilometri da Viterbo si trova infatti l’antica Ferentum. Il suo impianto attualmente visitabile risale al II secola a. C. ma la città ha origini molto più antiche: sembra infatti che nacque come distaccamento dell’insediamento etrusco di Acquarossa, importantissimo dal punto di vista archeologico perché, durante gli scavi, sono stati rinvenuti i resti di un grande palazzo e della struttura abitativa della città. Gli abitanti di Acquarossa si stabilirono poi definitivamente a Ferentum, che con la conquista romana assunse il suo attuale aspetto.

Il sito è raggiungibile facilmente percorrendo la Via Teverina fino al bivio con l’apposita strada per Ferentum. Noi lo abbiamo visitato ormai qualche anno fa. Il sito era deserto e recintato, anche se c’era un grande buco nella rete. Non erano esposti orari e giorni di apertura, così abbiamo azzardato e siamo entrati: non potevamo certo ammettere di aver fatto il viaggio a vuoto e tornare sui nostri passi come se nulla fosse. Su internet non avevamo trovato niente sull’eventuale sua chiusura. Entrammo cautamente nel bel teatro, che sembra ancora oggi sia usato in occasione di qualche evento. La scena, in mattoni rossi e blocchi di pietra squadrati, era ancora lì in piedi.Ferentum

Ci sedemmo sulle gradinate e attendemmo fino a quando non capimmo che lo spettacolo non sarebbe iniziato. Un po’ d’erba era cresciuta tra i commenti della pavimentazione. Continuammo l’esplorazione: visitammo i resti delle terme. L’ipocausto era ben visibile con i pilastri (sospensurae) che sorreggevano il pavimento, dove camminavano gli utenti, conservato perfettamente in alcuni tratti.Ferentum

Passeggiammo sui resti del foro. Sul lato est osservammo le possenti mura che circondavano la città. D’un tratto davanti a noi strisciarono due serpenti scappammo correndo sulle punte di piedi senza avere il tempo di accomiatarci da questo “gioiellino”.

Il sito è molto interessante e lontano dai circuiti del turismo di massa (per quanto abbiamo potuto vedere), se vi capita di passare da lì non esitate a fermarvi… certamente vale un po’ del vostro tempo!Ferentum

Ferentum

Potete seguirci su facebook: https://www.facebook.com/irintronauti e su

twitter: https://twitter.com/irintronauti .

Precedente Il lago salato del Tuz Gölü Successivo Siena