L’asceta che uccise il drago e l’Eremo di Malavalle

Eremo di MalavalleLa Maremma con le sue pianure selvagge, le sue folte foreste e le sue paludi ben si prestava ad essere scelta come luogo per il ritiro ascetico dei molti eremiti che nell’alto medioevo si ritiravano dalla società per vivere in preghiera ed in contemplazione, alla ricerca della spiritualità originaria del cristianesimo. Tra questi ci fu San Guglielmo che dopo una vita dissoluta (sembra fu addirittura scomunicato dal Papa) decise prima di fare un pellegrinaggio a Roma, a Gerusalemme e poi a Santiago de Composteila e successivamente si ritirò in Toscana, inizialmente sul Monte Pisano (noto anche come Mons Eremiticus) poi nel Lucchese ed in Garfagnana per infine di ritirarsi a Malavalle nei pressi di Castiglione della Pescaia, nel luogo dove ancora oggi si possono vedere i resti dell’Eremo edificato dal suo discepolo.Eremo di Malavalle, particolare

La leggenda racconta che il Santo per insediarvisi dovette combattere e uccidere con il semplice tocco del suo bastore un drago che qui dimorava. Nell’ultimo anno della sua vita Guglielmo fu raggiunto da un discepolo, Alberto che edificò l’eremo e che raccolte le regole seguite dalle asceta in un codice che tu la parte per l’ordine Guglielmiti (in Germania ed in Austria l’ordine resistette fino al XIX secolo).

LEGGI ANCHE: L’EREMO RUPESTRE IN GARFAGNANA

L’eremo originario non è però quello che oggi è possibile visitare poichè sembra che già nel 1224 fu distrutto durante una battaglia tra Grosseto e Siena (Guglielmo fu proclamato santo nel 1174). Dopo una nuova edificazione divenne meta di pellegrinaggi e nel XV secolo fu abbandonato dai Guglielmiti e nel XVII fu occupato dagli agostiniani fino alla metà del 1700.Eremo di Malavalle, la chiesa

Oggi l’Eremo di Malavalle è in stato di abbandono. Si può vedere la chiesa in stile romanico risalente al XIII secolo, aperta solo in particolari occasioni ed oggi completamente spoglia. Affiancata alla chiesa si trovava un complesso architettonico con le celle dei monaci, il chiostro e una torre nel XVIII secolo. La vegetazione avvolge le strutture che comunque hanno il loro fascino.

Lungo il percorso che porta all’eremo si possono vedere i resti dell’acquedotto che portava l’acqua a Castiglion della Pescaia e un mulino.

Come arrivare all’Eremo di Malavalle

Da Castiglion della Pescaia si deve prendere la strada comunale del Poggetto e si devono seguire le indicazioni per l’Eremo di Malavalle o Eremo di San Guglielmo. Si deve seguire la strada sulla sinistra, strada Consortile e arrivati in Località Val di Loro, in prossimità di una sbarra chiusa si può lasciare la macchina. Molto utile per trovarlo è la mappa a questo link. Il percorso a piedi è di circa 2 km, ma per chi fosse interessato è possibili seguire altri percorsi più lunghi, come mostra il mal ridotto pannello posto all’inizio del sentiero.

Eremo di Malavalle, l'acquedotto

Eremo di Malavalle

Eremo di Malavalle

Precedente Cosa fare a marzo in Toscana Successivo Collaborazione con CascinaNotizie

Lascia un commento

*